Frullati di kiwi arance mele


Siamo a Gennaio e in questo periodo abbiamo il privilegio di poter ancora usufruire di frutta invernale come arance, kiwi, mele.
Per chi segue un alimentazione legata alle stagioni e non compra verdura di serra, questo è il momento giusto per concedersi ottimi frullati di kiwi arance mele.

Cosa sono i frullati?
Il frullato si realizza frullando frutta (preferibilmente con la buccia se commestibile, per il suo apporto di fibre) alla quale si può aggiungere acqua, latte, yogurt liquido, spremuta e succhi di frutta. Vanno sempre mescolati bene prima di berli per evitare che la parte solida si depositi sul fondo del bicchiere. La consistenza del frullato deve essere più liquida che cremosa.

Frullati kiwi arance mele. La preparazione
È bene scegliere i kiwi, le arance e le mele con un sapore dolce, per evitare di dover aggiungere zucchero che appesantirebbe inutilmente l’apporto calorico.
Pelate i kiwi e le mele (se le mele sono biologiche è preferibile non sbucciarle) e tagliateli a fette e spremete le arance. Trasferite nel frullatore i kiwi, le mele e la spremuta di arance e  aggiungete 200 ml d’acqua. Frullate il tutto e servite.

Frullati kiwi arance mele. Proprietà benefiche
Inutile dire che bevande del genere sono piene di proprietà benefiche e salutari diverse a seconda del tipo di frutta e verdura utilizzata. Prendiamo in considerazione un frullato a base di mele, kiwi e arance.
Il kiwi e le arance sono ricchissime di vitamina C, utile per curare il raffreddore, combattere l’anemia e le conseguenze di una dieta vegetaria. Sono d’aiuto, soprattutto in questa stagione invernale, per chi è soggetto a influenza e spossatezza.

La mela contiene pectina, una sostanza in grado di depurarci dalle sostanze tossiche, e per questo molto indicata nella dieta di chi vive in zone particolarmente inquinate o piene di smog. La buccia è particolarmente ricca di fibre e sostanze benevole quindi sarebbe bene comprare sempre mele biologiche per essere sicuri di poterne consumare anche la parte esterna.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 gennaio 2013