Fiori di lavanda secchi

Fiori di lavanda secchi

Fiori di lavanda secchi, belli perché ci portano con il pensiero, al profumo e alla sensazione di libertà legata all’immagine dei campi sterminati della Provenza, ma non solo. I fiori di lavanda secchi hanno anche numerosi vantaggi se messi nel cassetto della biancheria o usati per produrre delle lozioni e così via. Andiamo a scoprirli, senza certo rinunciare ad un viaggio in Provenza, anzi! Le doti di questi fiori sono note da tempi antichi, la maggior parte delle popolazioni del Mediterraneo da tempi remoti li usavano per curarsi e per profumarsi.



Fiori di lavanda secchi: come prepararli

E’ necessario aspettare metà settembre, osservando quando la pianta perde il suo vigore tipico dell’estate e della fioritura, per intervenire potandola e tagliando i fiori e gli interi rami. Questo perché la pianta non deve lignificare.

Se riusciamo a cogliere il momento, allora la pianta di lavanda riuscirà a far spuntare foglie nuove andando a riformare un cespuglio ancora più bello, e noi avremo materiale per produrre fiori di lavanda secchi.

Potata la pianta al calar del sole, solo se asciutta, con l’attenzione di tenere i gambi delle spighe lunghi 18-20 cm, leghiamo con un elastico una dozzina di fiori alla volta creando vari mazzolino. Tra una spiga e l’altra deve esserci spazio, non stringiamo troppo perché potrebbero crearsi delle zone di muffa che renderebbero i fiori inutilizzabili. Poi occorre appendere i mazzolini a testa in giù al buio, in un luogo ben ventilato. Attese un paio di settimane, avremo pronti i nostri fiori di lavanda secchi.

Fiori di lavanda secchi

Fiori di lavanda secchi : a cosa servono

Fin dai tempi dei Greci, servivano per curare l’insonnia, i dolori di schiena e per calmare le persone e gli animali. Bastava, così si racconta, appendere mazzolini piccoli e profumati al soffitto per beneficiare dell’effetto di questa aromaterapia che da millenni è nota e praticata. Proprio in Grecia, dalle isole di Hyères, è infatti iniziata, non a caso, la coltivazione della lavanda, per poi diffondersi in Italia, in Francia, in Spagna e poi in Inghilterra e in America settentrionale.

Fiori di lavanda secchi: proprietà

Oltre ai Greci, anche gli Egizi e Fenici usavano i fiori di lavanda secchi, nel loro caso per bendare e profumare i propri defunti, i Romani, come anche gli Arabi, preferivano immergerli nell’acqua dei bagni pubblici per profumarla e beneficiare di un effetto rilassante. Oggi la lavanda, le sue spighe e i suoi fiori, hanno ancora la fama di amuleti contro le forze del male, in grado di richiamare prosperità e fecondità.

Esistono centinaia di varietà di lavande, in giro per il mondo, alcune arrivano anche ad altezze superiori ad un metro. Siamo abituati a vederla lilla ma in verità ne esistono specie con tonalità dal viola fino al rosa e al porpora, oppure blu e azzurro, bianche e grigie.

Fiori di lavanda secchi

Fiori di lavanda secchi e acqua di lavanda

Abbiamo visto come i Romani usassero i fiori di lavanda secchi per profumare l’acqua dei loro bagni pubblici per poi immergersi e rilassarsi. Lo stesso possiamo fare noi e allo stesso modo col tempo abbiamo anche imparato a creare saponi e prodotti di igiene e di bellezza che hanno come ingrediente la lavanda. Si possono realizzare anche artigianalmente, procurandosi dei fiori di lavanda secchi.

Fiori di lavanda secchi: vendita online e dove comprarli

Si possono trovare in alcune erboristerie o centri giardinaggio che hanno anche dei prodotti “secchi”. Oppure on line. Ci sono molti differenti modi con cui poter usare questi fiori di lavanda secchi, ad esempio se hanno ancora il gambo possono fare da bastone per gli spiedini, oppure i fiori senza gambo da ingrediente per pot pourri. I sacchetti con fiori di lavanda secchi all’interno sono un classico per profumare la biancheria.

Fiori di lavanda secchi

Fiori di lavanda secchi: prezzo

Come accennato, si possono acquistare on line con prezzi convenienti e senza impazzire con mille tentativi. Un chilo di fiori di lavanda francesi profumati e essiccati costa su Amazon 30 euro.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 23 luglio 2017