Feijoa: frutto e sue proprietà

Feijoa

Feijoa, un frutto tropicale gustoso e ricco di proprietà meno noto di altri come il mango o la papaya, ma che merita la nostra attenzione. Non solo per il sapore ma anche per le sue proprietà benefiche. Contiene molta vitamina C, ottima per la stagione fredda, ma fa bene anche a chi ha problemi al colesterolo.



Feijoa Sellowiana: pianta

Questo frutto tropicale cresce su un arbusto sempreverde che per intero si chiama Feijoa Acca Sellowiana, ha le sue origini in America del Sud ma non è coltivato solo lì, lo troviamo oggi anche in Africa e perfino nel Sud Italia. Qualche area della Toscana e della Liguria si sono ultimamente dimostrate favorevoli alla crescita di questo arbusto, appartenente alla Famiglia delle Mirtaceae.

La Feijoa pianta può arrivare anche a 8 metri di altezza, produce fiori ermafroditi molto vistosi che vengono impollinati dagli uccelli-mosca e da alcuni afidi.

Feijoa

Feijoa: frutto

Per educazione, abbiamo descritto la pianta, ma a noi interessa il frutto. La Feijoa sembra una prugna per la sua forma allungata, ma ha la buccia verde scuro. All’esterno è liscia oppure un po’ irregolare, all’interno è invece paragonabile ad un melone, non quello “arancione-giallo” che si gusta nella nostra estate, bensì a quello invernale, con una polpa più tendente al bianco e piena di piccoli semi.

Se però vogliamo scegliere un frutto che assomigli alla Feijoa per sapore, dobbiamo sceglierne un altro ancora: l’ananas. Esatto, l’ananas con un tocco di fragola, ma con il grande pregio di poterlo gustare in pieno inverno.

Feijoa

Feijoa: proprietà

La principale caratteristica per cui la Feijoa è nota, nel suo piccolo, è il suo elevato contenuto di vitamina C, ma non è per nulla la sola proprietà che questo frutto può sfoggiare. Non dimentichiamo, però  che con l’arrivo del freddo, possiamo contare anche su questo frutto per affrontare i malanni.

Il valore calorico della Feijoa è modesto, 70 Kcal/100 g di polpa, anche il colesterolo è quasi zero, in compenso abbiamo nel piatto un frutto ricco di fibre, di beta carotene, di vitamina B6, di sali minerali, di iodio e degli importanti flavonoidi che sono ottimi per un buon funzionamento dell’apparato circolatorio. La presenza di quercitina e di canferolo nella polpa, secondo alcuni studi, potrebbe anche avere un effetto anticancerogeno, il che renderebbe la Feijoa ancora più apprezzata.

Feijoa

Feijoa: come si mangia

Come se fosse un Kiwi, la Feijoa va divisa a metà e poi mangiata con un cucchiaino, per non perdersi il gusto della sua succosa polpa, molto delicata ma non insipida. Mangiato fresco questo frutto è un ottimo spuntino, anche accoppiato con altri tropicali, in una macedonia per un spuntino o anche in formato spremuta. Se lo abbiamo comprato ma aspettiamo un amico per gustarlo in compagnia, conserviamolo in frigo, anche già tagliato, cospargendolo di acqua e limone, altrimenti si ossida.

Feijoa: marmellata

Un altro modo per mangiarla senza perderne gusto né proprietà è quello di utilizzarla cotta o farne una marmellata. Anche se il colore non le fa onore, fidiamoci di questo frutto perché su una semplice fetta biscottata o come farcitura di una torta, ci stupirà.

Possiano mangiare anche i fiori della Feijoa, come per molti altri fiori da mangiare, anche questi possono essere serviti a tavola freschi o cotti al forno, come croccanti chips. Fiore, frutto, e le foglie? Possiamo farne un infuso dolce e profumato, non solo per scaldarci nelle serate di nebbia, ma anche per beneficiare delle sue proprietà antibiotiche e immunostimolanti.

Feijoa

Feijoa: coltivazione

Originaria dell’America meridionale, questa pianta viene coltivata anche in Italia, nelle zone in cui il clima è mite: nel nostro Sud, in Toscana e in Liguria. In generale inizia a verdeggiare verso marzo verso marzo, i primi fiori compaiono a maggio e restano per quasi l’intera stagione estiva.

Dove cresce l’ulivo, anche la pianta della Feijoa si trova bene, sistemata a distanza di 4-5 metri dalle sue compagne, e può campare anche 60-70 anni, basta che non arrivino gelate fino a -7 gradi e che il terreno non abbia ristagni idrici.

Potatura della Feijoa Sellowiana

Inevitabile potare la Feijoa visto che vive a lungo e che cresce piuttosto libera e generosa. Di solito si sceglie per questa pianta la forma arrotondata, un po’ a pon pon, che spunta su un tronco di circa mezzo metro anche in 3-5 branche. Se non vi convince tutta questa “rotondità”, potete puntare sul cono come volume.

Non dobbiamo però spaventare subito la Feijoa potandola appena cerca di darsi una forma, iniziamo con qualche intervento di definizione, perché non dia idea di disordine. Quando è adulta, allora possiamo cominciare a darle l’aspetto che desideriamo e a potarla per eliminare rami secchi o danneggiati.

Feijoa: prezzo e dove comprarla

Con una trentina di Euro su Amazon troviamo la pianta della Feijoa e possiamo mettere alla prova le nostre capacità. Prima assicuriamoci di vivere in una zona con il clima adatto ad accogliere questo tipo di arbusto, terrorizzato dal freddo.

Benefico frutto tropicale: la Feijoa

Chi ama già i frutti tropicali, dopo aver letto questo curriculum, non può che aggiungerla alla propria lista di cibi preferiti, invece se finora se siete di quelli che “solo i cibi di casa mia“, date una possibilità a questo nuovo sapore.

Da fresco o in scatola, anche come gusto di gelato o di yogurt, come base per marmellate o ingrediente di succhi, è da provare.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 12 novembre 2016