Fascia cardio, quale scegliere

fascia cardio quale scegliere

Fascia cardio, quale scegliere: come scegliere bene e quali sono le opinioni dei runner. A cosa serve il cardiofrequenzimetro e che criteri usare per la scelta.

Il cardiofrequenzimentro serve per monitorare la frequenza con cui batte il nostro cuore. Perché ai runner occorre monitorare il battito cardiaco? Per gestire al meglio i propri allenamenti: misurando il numero di battiti possiamo capire quanta fatica sta facendo il nostro corpo durante la sua performance e capire le conseguenze degli sforzi.

Con l’avvento degli smartphone, non è necessario acquistare dispositivi con display ma basta una fascia cardio bluetooth che registra il battito cardiaco e lo trasmette sul nostro smartphone.

Cardiofrequenzimetro, come funziona

Per il corretto utilizzo della fascia cardio bluetooth bisognerà impostare una soglia massima e una soglia minima. Questo serve ad avvisare l’utente in caso di sconfinamento di una delle due soglie mediante un allert acustico. Grazie a questa possibilità, la fascia cardio bluetooth ci consente di mantenere costante l’andamento del nostro allenamento (che sia corsa, kickboxer o ciclismo) rimanendo nella cosiddetta target zone. Per esempio, ipotizzando che la nostra soglia anaerobica sia a 180 bpm, se vogliamo incrementare la resistenza anaerobica lattacida possiamo regolare il ricevitore in modo che ci avvisi non appena le pulsazioni scendono al di sotto dei 175 bpm o quando salgono sopra i 184 bpm.

In commercio esistono un gran numero di cardiofrequenzimetri, dai modelli senza fascia o da polso alla più popolare fascia cardio bluetooth.

Dove comprare la fascia cardio bluetooth? Sfruttando la compravendita online è possibile comprare cardiofrequenzimetri ad alta precisione strappando i prezzi più competitivi del mercato. Tuttavia, anche da decathlon è possibile trovare fasce cardio bluetooth di buona fattura: ormai anche i modelli più economici consentono di registrare una target zone!

Tra i modelli più apprezzati dagli sportivi figura la fascia cardio polar che su Amazon strappa le migliori recensioni clienti. Il prezzo della fascia cardio Polar dipende dal modello. Se la H7 si compra con circa 50 euro, la Fascia Cardio Polar H6 Bluetooth Smart si acquista con circa 59,90 euro. La fascia cardio Polar è compatibile con Android OS, iPhone OS e funziona con Windows Phone e altri dispositivi bluetooth.

In particolare, la fascia H6, rispetto al modello precedente (H7) presenta alcune differenti che rispecchiano il prezzo: la fascia cardio Polar H6 è più piccola e più morbida della precedente H7; si adatta meglio al torace ed è più versatile perché può essere usata con la gran parte degli iPhone in commercio per monitorare il battito cardiaco tramite le app. La rilevazione è molto accurata e appare senza ritardi (in modo istantaneo) sul display dell’iPhone. L’autonomia della fascia cardio Polar, modello H6, è di circa 300 ore. L’H6 funziona sia con l’app del produttore finlandese (Polar Beat) sia con le più diffuse applicazioni per running (runtastic inclusa). A proposito di runtastic, lo sviluppatore non manca di una propria fascia cardio brandizzata.

La Fascia cardio Runtastic si compra con soli 22,98 euro. Tra i contro della scelta è il jack che fa da ricevitore della fascia che, stando agli utenti che l’hanno provato, è scomodo da tenere in tasca e si stacca perdendo il segnale.

Un prodotto degno di nota è la fascia cardio ant+ che sembrerebbe essere tra i migliori in considerazione del rapporto qualità/prezzo. La fascia Sigma Ant+ può essere associata a qualsiasi dispositivo, da un semplice Galaxy a strumenti specifici come il Bryton Rider.

Note di merito anche per le fasce cardio Garmin anche se qui la fascia di prezzo può salire un po’.

Per i prezzi di tutti i modelli citati e di altre fasce cardio non menzionate, vi rimandiamo alla pagina ufficiale: Fascia cardio bluetooth su Amazon. Prima dell’acquisto e per scegliere bene, vi conviene leggere le opinioni e recensioni degli utenti, nonché le domanda che i neofiti pongono a chi ha già usato quel prodotto.

Pubblicato da Anna De Simone il 21 gennaio 2016