Expo Milano 2015, ciak si gira

Avevamo accennato a un programma promozionale per il Milano Expo 2015 ed eccolo arrivare, o quasi. Dovrebbe trattarsi di un festival di filmati ispirati al Milano Expo 2015. Con il festival i più grandi registi dovrebbero girare un ciak intitolato ““Nutrire il pianeta, energia per la vita“”, in prima linea vi è Lombardia Film Commission, la fondazione nata per promuovere il cinema in Lombardia.

A rallentare la promozione è la burocrazia. Per girare un ciak a Milano occorrono fino a 16 permessi da richiedere in assessorati e uffici diversi. I tempi di attesa sono altrettanto lunghi, circa 30 giorni per sapere se si potrà avere accesso a una determinata strada.

A questo punto, l’Expo 2015 riuscirà ad avere il suo Festival di filmati “Nutrire il pienate, energia per la vita“?
Secondo Alberto Contri, direttore generale della Lombardia Film Commission, l’esposizione internazionale che si terrà a Milano, avrà i suoi ciak: «abbiamo sbrogliato la burocrazia milanese che spaventa chi tenta di girare qui in città». Una frase che, secondo il Giornale.it può essere tradotta in denaro “si parla esattamente di 9 milioni di euro di indotto sul territorio, per il primo anno, poco più per il secondo e per quello appena trascorso di circa 13-14 milioni”.

La fondazione Lombardia Film Commission, per incentivare la produzione cinematografica su territorio milanese, riesce a offrire servizi che recano vantaggi economici. Si parla della fornitura di mezzi o spazi, magazzini e consigli di vario genere. Dopo le recenti pellicole girate a Milano che vedono titoli come “Che Bella giornata” con Checco Zalone, “Benvenuti al Nord” con Bisio e Siani e “Romanzo di una Strage” con Pierfrancesco Favino, la città dell’Expo 2015 sarà lo scenario delle pellicole “Nutrire il Pianeta, energia per la Vita”.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 luglio 2012