Expo 2015 e il progetto targato Lecco

Per la piena riuscita dell’Expo 2015 la commissione ha lanciato diversi bandi e concorsi, tra questi vi il progetto di un sistema di edifici con funzioni di servizio quali ristorazione, spazi commerciali, servizi, logistica, magazini e locali tecnici, insomma una sfida che doveva ricorpre 66.978 mq nel migliore dei modi. Il concorso vede come protagonisti dei giovani laureati e progettisti di Lecco!

Si tratta di Salvatore Musarò, Fabio Prada e Paola Trivini, tre giovani progettisti under trenta che si sono classificati tra i primi cinque del bando per le architetture di servizio. Salvatore e Fabio sono laureati a Lecco, in Ingegneria Edile-Architettura, mentre Paola è laureata al Politecnico di Milano.

L’approccio utilizzato dai giovani è strettamente legato alle tematiche dell’Expo e propone inedite soluzioni tecnologiche e gestionali per gettere le basi impiantistiche che ricopriranno quasi 70.000 mq con un costo di circa 63 Milioni di Euro. Il progetto non ha puntato solo sulla funzionalità per definire il layout ideale della superficie, ma si è distinto anche per costruttività con materiali sostenibili e strategie a basso impatto ambientale.

Il progetto punta sull’efficienza, economicità e tecnologia con il pilastro portante della semplicità come principio guida del concept che, in termini pratici, si traduce in un progetto di facile allestimento: è caratterizzato da moduli prefabbricati.

Vedere giovani laureati vincere un progetto così importante più servire da ispirazione per molti giovani. I tre progettisti di Lecco hanno dovuto competere con progettisti e architetti di fama internazionale quindi la soddisfazione è enorme!

Il comitato Expo 2015 sta studiando in dettaglio il progetto così da consentirne l’allestimento: nei prossimi mesi verranno realizzate le prime installazioni.

Pubblicato da Anna De Simone il 4 maggio 2012