EOS nasce in un quartiere Green

Foto aerea del quartiere fieristico di Udine

Il biglietto da visita di EOS – Exposithion of Sustainability, il salone dedicato alla ecosostenibilità in programma dal 17 al 19 maggio a Udine, è il quartiere fieristico udinese, immerso nel verde, esempio del green naturalmente declinato in ambito urbanistico e architettonico.

Circondato dal Parco del Cormor, a soli 10 km dal centro città, il quartiere fieristico di Udine occupa le strutture di un ex cotonificio di fine ‘800 ristrutturato, valorizzato e potenziato nella superficie espositiva da recenti e moderni interventi che lo hanno dotato di 9 padiglioni, di un attrezzato centro congressi e di una vasta area verde destinata a ospitare eventi di diversa natura.

Nel maggio del 2012, nel quartiere è stata inaugurata una piccola centrale idroelettrica per la produzione di energia pulita, a ripristino dell’antico alo d’acqua che un tempo, e fino al 1978, fungeva da forza motrice del cotonificio. L’impianto è dedicato all’Ing. Eugenio Mariutti, colui che ebbe l’idea di sfruttare al meglio la risorsa dell’acqua.

Oggi l’energia prodotta dal salto delle acque del canale Ledra è un esempio concreto di recupero e di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Non solo: il recupero dell’area interessata e la sostituzione / riattivazione dell’impianto si inseriscono in un più ampio progetto di valorizzazione del contesto paesaggistico-ambientale in cui il quartiere fieristico è inserito e attivo.

La centrale idroelettrica Eugenio Mariutti è in funzione dal 23 gennaio 2012, dopo tutti i test e i collaudi previsti, ed è costata complessivamente 2 milioni di euro. Con una potenza di 370 kilowatt, l’impianto funziona sfruttando un salto d’acqua di 5,14 metri con una portata media di 6,30 metri cubi d’acqua al secondo. La produzione annua di energia prevista è di circa 2 milioni di kilowattore.

Pubblicato da Michele Ciceri il 4 febbraio 2013