Efficienza energetica dei motori elettrici

efficienza-energetica-motori-elettrici

Di efficienza energetica dei motori elettrici è interessante parlare alla luce della rilevanza del tema. Due terzi circa dell’elettricità utilizzata nel settore industriale è infatti consumata attraverso il funzionamento di questi dispositivi. Intervenire su efficienza energetica e performance dei motori elettrici significa dunque dare un contributo importante alla gestione di un problema di rilevanza nazionale come lo è l’uso razionale dell’energia.

Efficienza energetica e motori elettrici sono anche un tema attuale perché la normativa sta cambiando le cose. Il regolamento UE 640/2009 contenente i requisiti in materia di progettazione ecocompatibile prevede infatti che dal gennaio 2015 tutti i motori elettrici con potenza nominale compresa tra 7,5 e 375 kW dovranno rispettare performance elevate in termini di rendimento e quindi di efficienza energetica. Il regolamento dice anche che per i motori elettrici di potenza più bassa il termine previsto è il 1° gennaio 2017.

Efficienza energetica e motori elettrici rappresentano in più un tema interessante per l’Italia perché il nostro Paese è all’avanguardia nel comparto della costruzione di motori elettrici al alta efficienza energetica. Motivo per cui praticamente tutte le imprese italiane si sono già adeguate al nuovo regolamento europeo sulla progettazione eco-sostenibile e ne hanno addirittura anticipato le scadenze. Ora ovviamente gli impreditori si aspettano dalle istituzioni che esse sorveglino il mercato affinché i prodotti immessi siano rispettosi dei regolamenti comunitari.

Un motore elettrico è un dispositivo che riceve in input una potenza di tipo elettrico e restituisce in output una potenza di tipo meccanico. La norma internazionale IEC 60034-30-2008 stabilisce le diverse classi di efficienza energetica (IE) dei motori elettrici secondo lo schema classe / efficienza energetica: IE1 (motori con rendimento standard); IE2 (motori con rendimento elevato), IE3 (motori con rendimento premium), IE4 motori con rendimento super-premium.

Secondo i dati dell’Energy Efficiency Report del Politecnico di Milano, al dicembre 2013 la potenza installata dei motori elettrici in Italia superava i 100 GW (20 milioni di unità) di cui circa l’80% ascrivibile al settore industriale. Circa il 50% dei motori elettrici in circolazione nel 2013 apparteneva alla classe di efficienza energetica IE2, il 10-15% alla classe di efficienza energetica IE3. Della classe IE4 esistevano nel 2013 soltanto progetti pilota.

Con riferimto al regolamento 640/2009, già dal 16 giugno 2011 tutti i motori elettrici immessi sul mercato devono essere in classe di efficienza energetica IE2. Dal gennaio 2015 i motori con potenza tra 7,5 e 375 kW dovranno essere IE3 oppure IE2 se acoppiati a inverter. Dal gennaio 2017 dovranno essere IE3 oppure IE2 accoppiati a inverter tutti i motori con potenza nominale tra 0,75 e 375 kW.

Un utile punto di riferimento su efficienza energetica e classi di efficienza dei motori elettrici e sulle future evoluzione normative sul tema è il nuovo portale Electric Motor Database aperto da ENEA in collaborazione con il Gruppo Macchine Rotanti di ANIE Energia. Obiettivo è quello di raccogliere sul sito tutti i prodotti conformi al Regolamento della Commissione CE 640/2009.

Pubblicato da Michele Ciceri il 2 aprile 2014