Curare il prato in estate, le indicazioni

Royal Grass
Siamo in piena estate, una stagione molto delicata per il nostro manto erboso. La cura del prato in estate consiste nell’intensificazione della manutenzione! Se vogliamo preservare la salute del nostro manto erboso e prevenire conseguenze spiacevoli, bisognerà incominciare dall’irrigazione: in questo periodo dovrà essere più abbondante viste le alte temperature. Gli interventi sono diversi, bisognerà non solo irrigare con più frequenza ma assicurare tutte le cure necessarie per prevenire qualsiasi problema. A tal proposito vi illustreremo come curare il prato in estate seguendo tutte le indicazioni utili in base alle caratteristiche del proprio manto erboso.

Curare il prato in estate, l’irrigazione
Un grosso fattore di rischio è dato dall’umidità: tale condizione infatti favorisce la proliferazione di muffe e malattie fungine.
Generalmente il prato (ovviamente non vale per tutti i tipi di prato) ha uno sviluppo ottimale ad una temperatura compresa tra i 5 e i 25 gradi, pertanto in caso di caldo eccessivo tende a soffrire.
In questi casi, la prima cosa da fare è innaffiare e in maniera abbondante e costante.
Attenzione però: è bene precisare che si dovrà intervenire meno spesso ma bagnando bene la terra, piuttosto che irrigare spesso con poca acqua. I momenti migliori per irrigare sono il mattino presto o la sera, vanno invece evitate le ore più calde, dato che il sole favorisce una repentina evaporazione dell’acqua.
Assicuratevi però che vi sia un ottimo drenaggio del terreno, in caso contrario significa che a monte non è stato fatto un lavoro perfetto: il tipo di terreno è quello giusto?

Curare il prato in estate, taglio del prato
Anche il taglio del prato va fatto, intervenendo regolarmente, una o due volte a settimana a seconda dei ritmi di crescita del manto erboso.
Evitiamo, in ogni caso, di accorciare eccessivamente l’erba, per evitare che il sole che picchia possa provocare delle bruciature. Una volta tagliata l’erba, è bene raccoglierla onde evitare che possano formarsi funghi o muffe

Per intensificare l’apparato radicale, possiamo applicare del buon concime. Altro lavoro da fare è quello di eliminare le erbacce.

Pubblicato da Anna De Simone il 14 luglio 2014