Crocchè di patate, la ricetta

Crocchè ricetta napoletana

Crocche di patate: la ricetta tipica dei panzarotti napoletani e tante varianti. Dalla ricetta dei crocchè vegani, a quella con ripieno di verdure, fino ad arrivare ai crocché cotti al forno.


Le patate sono un alimento molto versatile e, in cucina, possono arricchire qualsiasi piatto! Possiamo friggerle, grigliarle, lessarle, cuocerle al forno, preparare gnocchi, pizze… oppure impiegarle nella ricetta dei gustosissimi crocchè napoletani.

Panzarotti napoletani o crocchette di patate

crocchè, meglio definiti “crocchette di patate” a Napoli si chiamano panzarotti! Si possono servire per per un aperitivo, come antipasto, come secondo piatto oppure per arricchire un buffet.

crocchè (dal francese croquette) sono un piatto tipico della cucina napoletana. Con il tempo si sono molto diffusi anche in Puglia e in Sicilia, dove è presente una loro variante che prende il nome di cazzilli.

La ricetta dei panzarotti napoletani si prepara con un impasto a base di patate lesse e schiacciate, uova, formaggio, prezzemolo e pepe. Nella versione più farcita (nella classica ricetta della nonna) i panzarotti vedono un ripieno di fior di latte e salumi, in genere o salame o prosciutto cotto.

Di seguito vi illustreremo come fare i panzarotti con la ricetta napoletana e le altre varianti.

Ricetta dei Crocchè di patate:
come fare i panzarotti napoletani

Ecco gli ingredienti per preparare circa 30 pezzi

  • 1 chilo di Patate
  • 120 grammi di prosciutto cotto
  • 150 grammi di fior di latte
  • 50 grammi di formaggio grattugiato
  • 3 uova
  • 120 grammi di pangrattato
  • Pepe, sale quanto basta

Per la versione semplice, senza farcitura, eliminate fior di latte e prosciutto cotto. Usate solo del semplice prezzemolo e raddoppiate la dose di formaggio grattugiato da aggiungere all’impasto.

Crocchè di patate, la preparazione

  1. In una pentola capiente, portata a ebollizione abbondante acqua salata.
  2. Nel frattempo sbucciate le patate e lavatele per bene sotto l’acqua corrente.
  3. Appena l’acqua bolle, mettete le patate e lasciatele cuocere per circa 15 minuti.
  4. Trascorso il tempo, scolate le patate e passatele nello schiacciapatate.
  5. Versate le patate schiacciate in una terrina e aspettate qualche minuto.
  6. Nel frattempo tagliate a cubetti la mozzarella e il prosciutto cotto.
  7. Appena le patate saranno raffreddate, aggiungeteci uova, parmigiano grattugiato, sale, pepe e, a scelta, un pizzico di noce moscata.
  8. Mescolate con le mani tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto omogeneo.
  9. Prendete una noce di impasto e con le mani dategli la classica forma del panzarotto napoletano.
  10. Per ogni forma, centralmente, aggiungete dei cubetti di prosciutto cotto e fior di latte.
  11. Proseguite così fino alla fine del composto.
  12. Passate i crocchè, man mano che li formate, nel pan grattato e poi metteteli a riposare in frigo per almeno 3 ore.
  13. Trascorso il tempo, prendete una padella dai bordi alti e friggete i crocchè nell’olio bollente e profondo.
  14. Prelevate i crocchè di patate con la schiumarola e fate asciugare su carta assorbente.
  15. Servite ancora caldi!

Crocché di patate senza uova

Le crocchette di patate si possono fare anche senza uova. In questo caso, l’impasto potrebbe risultare un po’ asciutto e potete ovviare al problema aggiungendo al composto qualche goccia di latte o una noce di burro fuso.

Crocché di patate, ricetta vegan

La ricetta vegana dei crocchè di patate è facile da ottenere. Basterà eliminare la farcitura di latticini e affettati.

L’impasto di patate potrà essere arricchito con noce moscata, pepe e prezzemolo. Se è molto asciutto, potete aggiungere un goccio di latte di riso oppure della margarina vegetale fatta in casa.

Crocchè di patate cotti al forno

panzarotti non fritti possono essere una scelta più leggera per chi segue un regime di dieta ipocalorico. Chi ha un forno ventilato è di certo avvantaggiato!

  1. Accendete il forno per farlo riscaldare a 220°C (forno statico) o 180 °C (forno ventilato).
  2. Foderate una teglia con della carta da forno.
  3. Passate i crocchè di patate nel pangrattato e disponeteli direttamente sulla teglia da forno.
  4. Lasciate cuocere per circa 20/25 minuti.

Come fare i cazzilli palermitani

Se i panzarotti napoletani prevedono una ricca farcitura di salumi e fior di latte (tra i salumi, i più usati sono salame, mortadella e/o prosciutto cotto… non viene mai usato crudo o pancetta), i cazzilli palermitani (crocché tipici siciliani e pugliesi) somigliano di più alla ricetta vegana vista in precedenza. Ecco gli ingredienti per 25 – 30 crocchè siciliani:

  • 1 kg di patate farinose
  • Pepe nero
  • 1 cioffo di prezzemolo tritato
  • sale fino
  • olio extravergine d’oliva

Come potete vedere, i cazzilli non vengono ripassati nel pan grattato! Infatti è importante scegliere patate farinose perché le classiche patate potrebbero far sfaldare i crocchè durante la cottura. I cazzilli vanno fatti cuocere in abbondante olio d’oliva bollente.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 dicembre 2017