Confettura di melograno fatta in casa

Confettura di melograno fatta in casa

La confettura di melograna fatta in casa è diffusa in diverse varianti, dalla marmellata di melograno semplice a quella arricchita con mele e limone. 

Il melograno è un frutto tipico autunnale, varietà precoci possono essere raccolte a fine estate mentre quelle tardive si spingono fino all’inverno. Il melograno è molto saporito e ricco di nutrienti, è annoverato tra gli alimenti che fanno bene al cuore, è indicato per chi soffre di pressione bassa e compare nella lista degli alimenti antitumorali. Molte persone evitano di mangiare melograno per il contenuto calorico ma c’è da dire che ogni chicco è molto leggero e in più la parte edibile è minima. Le calorie del melograno ammontano a 83 per ogni 100 grammi di prodotto.

Oltre alla confettura di melograno fatta in casa, un altro derivato di questo frutto molto diffuso è il succo: la granatina è ottenuta dalla spremitura dei semi. E’ meglio consumare granatina fatta in casa in quanto quella che si trova commercialmente (che si aggiunge anche ai cocktail alcolici) ha poco di melograno perché dettata dall’unione di soluzione zuccherine miste a succhi di agrumi, ribes, lamponi e altri aromi. La produzione del vero succo di melograno è molto costata perché sono necessarie grandi quantità di materia prima per portare alla produzione del succo.  Il succo di melograno è usato anche in cucina per la preparazione di dolci o rustici, è impiegata come condimento per cibi tradizionali e per guarnire carne o riso.

Confettura di melograno fatta in casa

Prima di riempire i vostri barattoli di vetro, assicuratevi di procedere ala giusta sterilizzazione così come spiegato nell’articolo Come sterilizzare vasetti di vetro così da prevenire ogni rischio contaminazione e botulismo.

In questa ricetta della confettura di melograno piuttosto che farvi usare la fruttapec, vi invitiamo a sfruttare le proprietà delle mele, ottimi addensanti.

  • 2,5 l. di succo di melograno
  • 1,5 kg di zucchero
  • 5-6 mele fuji
  • 2 limoni

Per ottenere 2,5 litri di succo di melograno avrete bisogno di circa 3,5 kg di chicchi. La preparazione degli ingredienti è la parte più lunga perché sgusciare i melograni richiede molta pazienza. Di vantaggio c’è che le scorze possono essere impiegate per aromatizzare liquori dolci.

Passate con un passaverdura i chicchi di melograno e raccogliete il succo in una pentola capiente adatta ai fornelli. Fate cuocere il succo di melograno a fiamma media e intanto preparate gli altri ingredienti:

-con un pelapatate rimuovete la buccia del limone facendo attenzione a prendere solo la parte gialla. Premete i limoni e raccoglietene il succo in una ciotola.

-Non è necessario sbucciare le mele, soprattutto se provengono da agricoltura bio. Tagliatele in 4 spicchi ed eliminate le parti non edibili. Tagliate le mele a tocchetti più piccoli. Man mano che tagliate le mele, aggiungetele al succo di melograno in cottura.

-Aggiungete il succo di limone, lo zucchero e le bucce di limone. Continuate la cottura con fiamma media, mescolate di tanto in tanto con un cucchiaio da cucina di legno. Solo dopo un’ora e mezza di cottura, spegnete, lasciate intiepidire e passate la confettura con frullatore a immersione. Concludete la cottura e quando la marmellata avrà raggiunto la consistenza desiderata, terminate e riempite i vasetti.

Pubblicato da Anna De Simone il 4 dicembre 2014