Come stuccare il legno

Come stuccare il legno

Come stuccare il legno: interventi di riparazione per sanare grossi buchi nel legno. Consigli sullo stucco per legno da usare. 

Come stuccare grossi buchi nel legno

La stuccatura del legno è un intervento di riparazione molto utile: con la tecnica giusta ci consente di riparare anche buchi molto grossi! Se dovete riparare un buco in una porta di legno o su un’anta dell’armadio, vi consigliamo di seguire la guida dedicata alle riparazioni della porta: come riparare una portaNel caso di un’anta più sottile come può essere la porta in legno dell’armadio, piuttosto che utilizzare dei fogli di carta compressi, potete scegliete del cartoncino rigido da usare come supporto dello stucco.

Come riparare rigature del legno

Se volete riparare graffi sul legno o piccole rigature, non sarà necessario l’impiego dello stucco. Lo stucco si usa in caso di buchi o crepe più o meno profondi; in caso di rigature superficiali potete usare delle apposite cere.

graffi e le rigature sul legno sono facilissimi da riparare. Le rigature possono essere il frutto di una sverniciatura del legno eseguita troppo in fretta, oppure i segni degli artigli del nostro cane o gatto, o ancora, della nostra distrazione nel trasportare oggetti.

In commercio, esistono dei kit pronti all’uso facili da gestire, sono nati per la riparazione di graffi nel legno (mobili, porte, parquet, tavoli…). Questi kit sono a base di composti resinosi e cere in formato stick (gommalacca). I composti vanno a riempire la fessura creata dal graffio restituendo una superficie perfettamente omogenea. Questi kit si possono usare su qualsiasi superficie in legno: oliato, laccato o naturale. Si adattano alle tonalità più disparate in base alle vostre esigenze.

Per completezza, vi indichiamo un kit molto economico e semplice da usare:
Kit di riparazione parquet, laminato e listelli in legno
Prezzo Amazon: 29,99 euro con spedizione gratuita

Come si usa? I tubetti sono costituito da cere sintetiche che una volta sciolte con apposito applicatore giallo, si solidificano andando a riempire la fessura del graffio.

Stucco per legno

Fori, spaccature e grosse crepe nel legno possono essere riparate con dell’apposito stucco. In commercio esistono diversi tipi di stucchi per legno che possono essere scelti in base al tipo di danno, all’essenza legnosa e al tipo di finitura del legno da riparare. Gli stucchi per il legno disponibili sul mercato sono:

  • stucco per legno standard
  • stucco composto
  • stucco pronto all’uso
  • stucco bicomponente
  • stucco ricostruttore
  • stucco alla gommalacca

Vi abbiamo già parlato dello stucco di gommalacca e della sua facilità di impiego. Nel prossimo paragrafo vi diremo come stuccare il legno.

Come stuccare il legno

Lo stucco composto è quello che si applica meglio alle diverse tonalità di legno. Si prepara mescolando stucco per legno standard (reperibile in polvere o in pasta) e coloranti all’anilina; per omogeneizzare i due ingredienti si aggiunge un po’ di colla vinilica e dell’acqua. I coloranti all’anilina sono i più disparati: ocra, marroncini, rossi, gialli…. si possono mescolare anche più coloranti per ottenere tonalità inedite.

Così come le cere di gommalacca, anche lo stucco composto non necessita di essere verniciato.

Lo stucco per il legno va applicato in strati sottili e sovrapposti fino a completare la riparazione.

Per riparare il legno si può usare uno stucco pronto all’uso per interni, lo stesso impiegato per riparare crepe nel muro. Per poterlo applicare sul legno bisognerà aggiungere delle piccole quantità di colla vinilica.

Lo stucco bicomponente va usato per rinforzare parti più deboli del legno o per eseguire intere ricostruzioni.

Lo stucco ricostruttore è quello più adatto per riparare buchi nel legno e ricostruire parti mancanti e parti deteriorate. Anche con questo stucco non sarà necessario l’impiego di vernice perché sarà possibile mescolarlo con coloranti all’anilina.

Dopo l’applicazione con un’apposita spatolina, bisognerà carteggiare con carta vetrata a grana finissima per livellare e rendere omogenea la superficie.

Pubblicato da Anna De Simone il 9 ottobre 2016