Come si pulisce il camino

Come si pulisce il camino

Come si pulisce il camino: tutte le istruzioni per la pulizia accurata del camino e dei suoi componenti, dalla canna fumaria al piano di ghisa.

Nei mesi freddi dell’anno non c’è niente di meglio che un fuoco scoppiettante per riscaldare casa e creare la giusta atmosfera. Con l’avvicinarsi della primavera, giunge poi il momento di mettere a riposo il camino e fare le grandi pulizie. In questa pagina vedremo come occuparsi della manutenzione e della pulizia di fine stagione del camino. In particolare vedremo come:

  • Pulire la canna fumaria del camino
  • Lavare il camino
  • Come si pulisce il vetro temprato di protezione
  • Come disincrostare piastra in ghisa del camino

Partiamo dalla manutenzione generale e lo smaltimento della cenere.

Come si pulisce il camino

La prima cosa da pulire è la camera di combustione.

Il camino va pulito a fuoco spento. Per prima cosa assicuratevi che le pareti del camino e la cenere siano ben fredde. Indossate abiti vecchi, guanti e mascherina così da non inalare le polveri.

Armatevi di paletta e scopa per rimuovere la cenere, per evitare di alzare troppa polvere, potete munirvi di un aspiratutto. Una volta rimossa la cenere, tappezzate la base del camino con vecchi fogli di giornale così da poter proseguire con la pulizia in modo più spensierato: cadrà molta fuliggine!

Come pulire la canna fumaria del camino

Ispezionate la canna fumaria facendo luce con una torcia per controllare l’eventuale presenza di ostruzioni.

Se il camino ha uno sportellino esterno, vi basterà infilare la spazzola circolare in acciaio, munita di un’asta flessibile o telescopica, all’interno della canna fumaria e muoverla per spazzare via la fuliggine.

kit pulizia camino

Per la pulizia della canna fumaria è necessaria un’apposita spazzola. Nella foto in alto è mostrato un prototipo di kit per la pulizia del camino, al solo fine di “illustrare” le caratteristiche che dovrebbe avere una buona spazzola. Cioè, deve avere un manico allungabile che può essere o flessibile (preassemblato) o componibile (come nella foto). La spazzola deve essere robusta e in grado di seguire il percorso intrapreso, in tempi diversi, dal fumo.

In commercio sono molti i kit spazzacamino dotati di manici componibili, flessibili o telescopici. Di solito, i più costosi, sono quelli con manici flessibili (costano intorno ai 70 euro) mentre più economici sono i set componibili che vedono prezzi intorno ai 20 – 30 euro.

Per l’acquisto potete rivolgervi presso un ferramenta ben fornito, da negozi tipo Brico Center o Leroy Merlin oppure, per una più vasta scelta, sfruttare la compravendita online. A “questa pagina Amazon” potete farvi una panoramica completa sui prezzi e i modelli di kit spazzacamino completi di spazzola e pronti all’uso.

Pulizia della canna fumaria

Se la canna fumaria è dotata di un solo accesso dall’alto, una volta raggiunto il tetto/terrazzo in piena sicurezza, spazzolate l’interno della canna fumaria ma solo dopo aver coperto la bocca del camino con un telo di plastica così da non riempire la casa di fuliggine.

Se la canna fumaria ha un copricomignolo fisso, dovrete procedere alla pulizia del camino partendo dalla bocca. Anche in questo caso vi conviene coprire l’entrata con un telo di plastica ma dovrete lasciare l’ingresso per la spazzola e il vostro braccio che dovrà accompagnarla con movimenti circolatori atti a liberare le pareti della canna fumaria dalla fuliggine.

Come lavare il camino

Per finire, rimuovete il telo in plastica e i fogli di giornale per poi procedere con l’eliminazione della fuliggine caduta.

Una volta rimossa tutta la polvere, procedete con una lavata: lavate con una soluzione di acqua, bicarbonato di sodio e aceto di vino bianco. Se il camino è dotato di una piastra in ghisa, potete lucidarla con del semplice olio per mobili.

Come pulire il vetro del camino

Per la pulizia del vetro temprato vi è un prodotto naturale che troppo spesso sottovalutate: la cenere!

La cenere è fortemente alcalina ed è impiegata nella saponificazione, per la produzione di liscivia caustica. Cosa significa? Che per pulire il vetro del camino vi basterà una grossa spugna morbida, dell’acqua bollente e la cenere del camino.

Come si pulisce il vetro del camino opacizzato e sporco?

  • Indossate i guanti.
  • Impregnate una grossa spugna morbida di acqua bollente
  • Immergete la spugna nella cenere
  • Strofinate la cenere sulla superficie del vetro temprato da pulire
  • Ripetete fin quando il vetro risulterà spendente, pulito e come nuovo.

Anche se la cenere è caustica è meno adatta per la pulizia della piastra di ghisa dove la combustione causa delle tenaci incrostazioni.

Come eliminare le incrostazioni del camino

Per la pulizia della ghisa del camino o delle incrostazioni di fuliggine più tenaci presenti sui mattoni refrattari, vi invito a leggere la guida: “Come pulire il camino“.

Ti potrebbe interessare anche l’articolo sull’Aspiracenere

Pubblicato da Anna De Simone il 13 gennaio 2018