Come sensibilizzare alla raccolta differenziata

Non è molto difficile separare i rifiuti, eppure c’è chi preferisce non differenziarli e gettare tutto nello stesso cestino. In molte città d’Italia potrebbe essere utile avviare delle campagne per sensibilizzare alla raccolta differenziata, così da contrastare questo fenomeno di superficialità e diffondere una coscienza ambientale.

Quanti di voi si stanno chiedendo come sensibilizzare alla raccolta differenziata? Se anche tu lo stai facendo sappi che si può agire per diverse strade, quella più giovane e dinamica è data dalla creatività. Cosa ne pensi di realizzare un video da caricare su youtube e condividerlo sulle pagine Facebook dei comitati della tua città? Ti sembra un’impresa troppo ardua? Il giovane Gabriele Saluci, insieme alll’amministrazione torinese, ci è riuscito. Prendi ispirazione e guarda il video “Differenziata, beato chi la fa. Bene!.

Un ragazzo di 19 anni, Francesco Cucari, ha deciso di sviluppare un’applicazione per Android che aiuta a differenziare i rifiuti. C’è chi ha progettato deplian o interi portali web. Se non sei un grafico e non hai alcun talento artistico, non demordere. Puoi sempre sfruttare il materiale realizzato da giovani come Gabriele o Francesco.

Organizza un evento green insieme ai comitati della tua città e sfruttalo per sensibilizzare alla raccolta differenziata. Se non hai abbastanza forza da organizzare un evento ad hoc, sfrutta le sagre o i concerti del paese per ritagliare uno spazio ecovirtuoso dove poter promuovere le buone pratiche ecologiche, non sarà difficile.

Per sensibilizzare alla raccolta differenziata si possono sempre sfruttare le tecnologie più semplici come i diffusissimi social network. Apri un gruppo a tema su facebook e invita tutti i tuoi amici, promuovi il tuo gruppo e usalo per educare il pubblico a suddividere i rifiuti nel modo più idoneo.

Pubblicato da Anna De Simone il 22 agosto 2012