Come seminare in piena terra o in semenzaio

come seminare

Come seminare nell’orto in piena terra, in semenzaio, in barattoli per la germinazione o ancora, con il metodo del nastro adesivo; in questo articolo vedremo tutte le tecniche per effettuare al meglio la semina.

Come seminare, la preparazione del terreno

Qualsiasi sia il metodo di semina, prima della messa a dimora dei semi su un terreno, questo dovrà essere opportunamente preparato. Per preparare il terreno alla semina sarà necessario ammorbidire i primi strati di suolo in base al tipo di seme da mettere a dimora. In genere si consiglia di smuovere i primi 30 cm di terreno, eliminare detriti, vecchie radici, residui di infestanti, sassi e zolle troppo compatte; per la sistemazione degli strati superficiali del suolo, dopo aver sminuzzato le zolle di maggiori dimensioni, si consiglia di spinare il terreno con un rastrello a denti robusti e appuntiti.

Come seminare in semenzaio

I motivi che possono indurci a scegliere la semina in semenzaio sono molti; parliamo di ragioni climatiche, di resa, per accorciare i tempi di germinazione o per tenere i semi al sicuro dall’avifauna locale. In commercio esistono numerose vaschette per semenzaio ma vi consigliamo di optare per il fai da te: vi basta prendere una vecchia vaschetta di gelati, un box in polistirene (come quello del salumiere) un sottovaso… o un qualsiasi contenitore da poter forare e sul quale appoggiare più strati di carta assorbente o un po’ di terriccio soffice specifico per la semina. In questo contesto vi rimandiamo agli articoli:
Germogliare i semi con metodo scottex
Come far germogliare i semi

Come seminare in piena terra

Per seminare nell’orto c’è chi si avvale di seminatrici manuali o opta per i metodi di semina tradizionali: a spaglio, a righe o a buchette.

La semina a spaglio
Il seme va distribuito in modo più uniforme possibile sul terreno. La semina a spaglio si consiglia per coltivare spinaci, cicorie da taglio, lattughe, cime di rapa…

La semina a righe
Si tratta della classica semina a file, è tra i metodi più diffusi perché consente di distribuire il seme in modo uniforme ma su una linea retta così da rendere più facili tutti i lavori di coltivazione a partire dal diserbo e concimazione. Tutti gli ortaggi possono essere seminati a righe, anche quelli che per tradizione si seminano a spaglio.

La semina a postarelle (buchette) 
La messa a dimora del seme avviene in appositi buchi denominati postarelle o buchette. In questo contesto, in ogni buchetta si posano da un minimo di 2 a un massimo di 6-8 semi a seconda dell’ortaggio e della resa. La semina a buchetta è molto diffusa per il fagiolo e fagiolino, per la zucca e zucchino, il melone…

La seminatrice

Nell’orto domestico la semina si fa a mano, certo, in commercio si trovano delle seminatrici manuali ma il loro impiego è consigliato solo quando l’orto è molto ampio. In ambito industriale si impiegano delle seminatrici trainate da trattori mentre i piccoli proprietari terrieri impiegano dei più piccoli distributori di semi.
In ambito domestico, chi lo desidera, può acquistare delle piccole seminatrici manuali, i prezzi partono da 10 euro. Sia in ambito industriale che in quello domestico, si stanno diffondendo i nastri per la semina.

Come seminare, le fasi lunari 
La luna ha sempre condizionato le attività agricole, in particolare la semina, fin dalla notte dei tempi. Approfondisci su Luna e semina

Pubblicato da Anna De Simone il 19 ottobre 2014