Come scegliere la maschera da sub

Come scegliere la maschera da sub

Come scegliere la maschera da sub: consigli per scegliere la maschera per fare apnea, immersioni subacquee o snorkeling.

La maschera da mare ti consente di guardare, con nitidezza, i fondali marini senza che l’acqua salata possa bruciarti gli occhi e soprattutto senza quella visione sfocata e indistinta che avresti osservando il fondale a occhio nudo.

Una maschera da sub, da apnea o da snorkeling è costituita da un telaio rigido, un cristallo in vetro temperato, una guarnizione morbida (silicone o gomma) e una cinghia di regolazione per fissarla alla testa in modo stabile.

Come scegliere una maschera da sub

Che sia per fare snorkeling, per praticare immersioni subacquee o per fare apnea, la maschera deve avere le medesime caratteristiche:

  • deve essere ben sagomata al naso così da consentirti la manovra di Valsalva in caso di immersione.
  • Deve darti un ampio campo visivo così da consentirti una buona visione panoramica di ciò che ti circonda.
  • La guarnizione deve adattarsi al viso così da evitare infiltrazioni d’acqua.

Le maschere più economiche sono in gomma ma è importante dire che ormai, tutti i nuovi modelli, sono prodotto con guarnizioni di silicone, anallergico, morbido e più capace di adattarsi alla forma del viso.

Queste sono le caratteristiche di base che devi conoscere per scegliere una maschera… ma c’è altro. Parlare di “guarnizione” è molto complicato dato che oggi ogni produttore usa un materiale diverso con particolari brevetti.

Da buon sommozzatore, ho provato nel tempo un gran numero di maschere e devo dire che quelle “più moderne” (diffuse da 5 – 6 anni a questa parte) riescono a offrire un buon sistema di iniezione offrendo rigidità, comfort e tenuta perfetta, anche senza stringere troppo la cinghia di regolazione.

Tra i vari modelli di maschere presenti in commercio consiglio il modello “Big Eyes Evolution”, che, in base al rivenditore, si compra con una forbice di prezzi che va dai 40 ai 65 euro.

Nota bene: IdeeGreen.it non ha alcun legame con il produttore (Cressi), tuttavia mi sento di consigliare questo prodotto perché lo uso ormai da due anni facendo anche immersioni profonde con grande soddisfazione.

Per tutte le informazioni sulla maschera citata ti rimando alla pagina Amazon dedicata: “Cressi Big Eyes Evolution“.

Se compri il modello che ti ho indicato o comunque un modello con guarnizione di ultima generazione (quindi dall’ottima tenuta), quando indossi la maschera evita di stringerla troppo… tanto sarà la pressione dell’acqua a garantire la tenuta della maschera agendo proprio sulle guarnizioni.

Maschera che si appanna

Se ti stai chiedendo come fare a non far appannare la maschera, sappi che ci sono diversi “trucchetti”.

Qualcuno consiglia di surriscaldare il vetro temperato della maschera prima del primo utilizzo…. Personalmente sconsiglio questa pratica perché rischieresti di danneggiare le attuali lenti.

Forse surriscaldare i vetri era una tecnica valida per le vecchie maschere in gomma ma con gli attuali processi produttivi basta una passata di dentifricio (quelli in gel o in pasta, quindi senza “microgranuli”).

I dentifrici sono leggermente abrasivi, strofina l’interno e l’esterno del vetro della maschera con della pasta per eliminare i residui della lavorazione del vetro. In questo modo la maschera sarà meno incline ad appannarsi ma solo a una condizione: dovrai usare un liquido antiappannamento!

In commercio esistono molti liquidi antiappannamento ma… in realtà ognuno di noi ne porta con sé un po’, già incorporato nel proprio organismo: parlo della saliva.

Già, prima di ogni immersione, di praticare snorkeling o apnea, bisognerebbe insalivare il lato interno dei cristalli e risciacquare la maschera bene con acqua del mare e indossare la maschera.

Se l’uso della saliva (il classico sputo da spalmare sui cristalli!) per non far appannare la maschera non ti fa sentire a tuo agio, puoi sempre comprare un liquido antiappannamento, un piccolo flacone spray costa pochi euro (in genere 2 – 3 euro).

Maschera e lenti a contatto

Se hai un difetto visivo (miopia, ipermetropia, astigmatismo…) sappi che alcuni modelli di maschere consentono di sostituire il vetro temprato con delle lenti ottiche correttive! Sì, esistono maschere subacquee graduate, molto utili per fare snorkeling, immersioni o apnea.

L’uso delle lentine (o lenti a contatto) al mare, sotto la maschera, più essere considerato sicuro a patto che l’occhio non entri a contatto con l’acqua…. tuttavia è importante ricordare che un occhio poco idratato tenderà vedrà un facile distacco con la lente e perdere le lenti a contatto durante un immersione può essere un’evenienza tragica: la maschera graduata può ovviare al problema.

Il modello che ti ho segnalato in precedenza consente il montaggio di lenti graduate, da acquistare a parte. Quelle Cressi si trovano sempre su Amazon o presso rivenditori specializzati, in ogni caso puoi anche commissionarle al tuo ottico di fiducia. Il costo di ogni lente dipende dal difetto ottico e dal rivenditore. Per la mia miopia, ho pagato circa 25 euro per lente.

Pubblicato da Anna De Simone il 23 giugno 2018