Come riprodurre per talea

Come riprodurre per talea

Talea, come si fa: come riprodurre per talea qualsiasi pianta. Istruzioni specifiche per ogni pianta. Talea da ramo, da fusto o da foglia.

Il metodo più facile per moltiplicare le piante è la propagazione per talea.

Talea, quando e come

Il periodo migliore per riprodurre una pianta per talea cade in autunno ma non mancano esempi di successo in primavera. Se non altrimenti specificato nei vari paragrafi, il periodo indicato per prelevare e moltiplicare una pianta per talea è l’autunno. Tra fine ottobre e l’intero mese di novembre.

La talea può essere fatta a partire da un fusticino (si preleva una porzione apicale della pianta) oppure da foglia. La talea da foglia è adatta a piante come la rosa, la begonia o la Saintpaulia.

In questa guida vedremo come si fa la talea dandovi indicazione per un gran numero di piante.

Talea di legno semimaturo

Nella gran parte di casi, non è necessario usare un “ormone radicante” per moltiplicare le piante per talea, tuttavia, in caso di talea di legno semi-maturo o talee legnose, l’uso del radicante potrebbe essere fortemente consigliato.

Tra le varie polveri radicanti presenti sul mercato, vi segnalo la “polvere per talea” di Cifo, proposta su Amazon (con spedizione gratuite) al prezzo di 12,40 euro con spedizione gratuita. Per tutte le informazioni, vi invitiamo a visitare la “scheda del prodotto“. Vi ho segnalato questo prodotto perché ha meccanismi di azione simili a quelli delle auxine naturali e delle gibberelline, cioè le sostanze vegetali che promuovono la crescita delle piante e l’immissione delle radici. In pratica, oltre a stimolare lo sviluppo dell’apparato radicale, tale polvere aiuterà alla pianta a svilupparsi nelle prime fasi.

Per l’uso, vi basterà inumidire la base del rametto reciso, per poi immergerlo nella polvere stimolante prima della messa a dimora nel contenitore di radicazione.

L’ormone radicante può essere utile in caso di moltiplicazione per talea di lauroceraso, della rosa (da ramo, la moltiplicazione della rosa a partire dalla foglia non necessita di alcun radicante), della piracanta, dell’ibisco, oleandro, salice, bouganville, ciliegio, fico, melograno, talea di camelia, glicine…

Moltiplicazione per talea del salice

La talea di salice si può fare sia in autunno che in primavera. Quindi potete prelevare il vostro rametto da 15 cm sia a fine autunno, sia con l’inizio della primavera.

Un consiglio sul taglio? Per riprodurre piante per talea, ricordatevi sempre di tagliare il rametto in senso obliquo così da avere una più ampia superficie per sviluppare le radici.

Come riprodurre per talea il geranio

E’ sicuramente tra le talee più facili da fare. I gerani non hanno bisogno di molte cure per la riproduzione per talea. Prelevate una porzione apicale di 8-10 cm, dotata di almeno due nodi. Mettete a radicare la talea nel classico terriccio che usate per le vostre piante di geranio. La talea di geranio sarà pronta per il primo modesto rinvaso quando avrà sviluppato almeno tre foglie.

Come fare la talea di fico

Anche in questo caso ci troviamo a moltiplicare una pianta “molto collaborativa”. Il periodo migliore per eseguire la moltiplicazione per talea del fico cade a inizio marzo. Prelevate la talea quando ancora non sono aumentate le temperature e il fico si trova ancora in parziale riposo vegetativo.

Come riprodurre per talea il ciliegio

La talea non è la tecnica più adatta per la moltiplicazione del ciliegio. Per accorciare i tempi di fruttificazione, in genere, si scegliete di eseguire un innesto su un portainnesto già 3 – 4 anni, tuttavia, se volete fare una talea di ciliegio, assicuratevi di usare il substrato giusto, un ormone radicante e di seguire le istruzioni viste nella guida come fare la talea di ciliegio.

Come fare la talea di bouganville

La talea di bouganville ha maggiori possibilità di attecchimento con l’uso dell’ormone radicante. Il motivo? Per riprodurla si preleva una talea dalla lunghezza di 15 cm da rami maturi quindi più lignificati. Recidete immediatamente sotto un nodo, sempre con taglio obliquo.

Come fare la talea di ibisco

Per la talea di ibisco, se scegliete rami giovani, avete a che fare con legno solo parzialmente lignificato, quindi volendo potete rinunciare all’ormone radicante. Stesso discorso per la talea di rosa.

Come fare la talea di olenadro

Con delle cesoie affilate e disinfettate, prelevate alcuni giovani rami lunghi circa 10 – 15 cm. I rami giovani si fanno radicare con maggiore facilità, quindi assicuratevi di recidere rami che non hanno mai fiorito. Anche qui, sui rami giovani, l’uso del radicante non è necessario ma consigliato. Attenti a mettere i guanti che l’oleandro può irritarvi la pelle, anche se molti lo ignorano, si tratta di una pianta velenosa!

Come riprodurre per talea l’ortensia

Per una maggiore facilità di attecchimento, prelevate un rametto ai piedi della pianta madre, dalla lunghezza di 10-15 cm. Dovrete far radicare il rametto ponendolo in un substrato sabbioso. Per tutte le istruzioni: talea di ortensia.

Come fare la talea di garofano

Le talee di garofano dovranno avere una lunghezza di circa 10 cm. La radicazione avverrà nel giro di tre o quattro settimane. Per tutte le istruzioni vi rimandiamo alla guida: come fare la talea di garofano.

Come riprodurre per talea un melograno

Questa talea legnosa necessita di radicante. Scegliete una pianta madre sana e un ramo vigoroso. Dal ramo dovrete rimuovere la maggior parte delle foglie, lasciandone solo 3 o 4 nella parte apicale. La vostra talea di melograno sarà pronta quando noterete spuntare piccole foglie.

Come riprodurre per talea una rosa

In questo caso, dovrete prelevare un ramo di 10 – 12 cm da far radicare in un miscuglio di torba, terra e sabbia. Se usate un ormone radicante potrebbe bastare anche del semplice terriccio da mantenere umido.

In caso di talea di legno duro, il periodo migliore cade tra ottobre e novembre, in caso di talea di legno verde (un nuovo ramo della rosa) il periodo migliore cade nel mese di giugno. Per la talea di foglia o di ramo, ecco la giuda: talea di rosa.

Talea in acqua per basilico, portulaca e rosmarino

Queste piante sono estremamente faili da riprodurre per talea. Per il basilico, portulaca, rosmarino e altre piante, è possibile anche la talea in acqua, senza l’impiego di alcun substrato. Per tutte le informazioni:

Pubblicato da Anna De Simone il 4 ottobre 2017