Come riciclare gli arredi

Volete sbarazzarvi di vecchi mobili? Non portateli alle discariche, riciclare gli arredi potrebbe essere più utile di quanto si possa immaginare. Ogni anno, in Germania, 7 milioni di tonnellate di mobili finiscono in discarica, così come i tedeschi anche gli italiani producono grandi quantità di rifiuti mediante gli arredi. I vecchi mobili possono sperimentare varie rinascite mediante il riciclo degli arredi. In particolar modo, possono essere riciclati i mobili antichi trasformandoli in oggetti moderni. In che modo? Vecchie cristalliere e credenze possono essere smontate e riassemblate per ospitare la nuova televisione al plasma, playstation e altri dispositivi dei tempi moderni. Prima di gettar via qualsiasi mobile è bene provare a cambiargli collocazione e giocare di creatività: esso potrebbe essere modificato per soddisfare le attuali esigenze domestiche. Riciclare gli arredi non è così difficile come sembra. Una culla, per esempio, potrebbe diventare la nuova casa della collezione di bambole di tua madre, oppure un mini divano o ancora, la base del presepio natalizio.

Riciclare gli arredi non significa solo giocare di creatività, se non volete affaticarvi troppo con lavori di manodopera, mettete un annuncio online e regalate il mobile a chi è interessato. Se si tratta di più pezzi perché la vostra casa è stata appena ri-arredata, portate i vostri mobili presso un mercatino delle pulci oppure donateli a un negozio dell’usato, i restauratori sono sempre interessati ai mobili antichi. In ogni regione d’Italia ci sono diverse associazioni non-profit, rivolgetevi a esse per il riciclare gli arredi senza creare ulteriori ingombri nelle discariche.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 18 gennaio 2012