Come eliminare i parassiti dalle rose

come eliminare parassiti dalle rose

Come eliminare parassiti delle rose: elenco delle più frequenti malattie delle rose. Sintomi, trattamenti e come curarle. Come riconoscere le malattie delle rose.

In questo periodo dell’anno, le rose iniziano a regalarci fioriture straordinarie. Tuttavia a rovinare lo spettacolo della fioritura ci pensano degli ostinati parassiti. Parliamo di funghi, insetti e virus che rovinano foglie e fiori delle rose.

Sono molti i parassiti che si cibano di foglie e fiori provocando di conseguenza danni alla pianta. Per scongiurare gli attacchi dei parassiti possiamo ricorrere a soluzioni naturali fai da te. A tal proposito vi illustreremo come eliminare i parassiti dalle rose, seguendo le nostre indicazioni. Ogni parassita delle rose merita un trattamento specifico, iniziamo subito con l’elenco.

Come eliminare i parassiti dalle rose:
 afidi o pidocchi delle rose

Sono piccolissimi insetti di colore verde chiaro che colonizzano foglie e boccioli per nutrirsi della linfa delle piante. Se l’attacco è circoscritto possiamo eliminare gli ospiti indesiderati in modo meccanico. In caso contrario, con infestazioni conclamate, dovremo intervenire con trattamenti mirati.

Decotto all’aglio contro pidocchi, afidi e cocciniglia

Un primo trattamento consiste nel preparare un decotto a base di aglio. Per la preparazione fate bollire due testa d’aglio in un litro d’acqua poi fate freddare e filtrate il composto. Una volta pronto, irrorate il composto sulla pianta. Così facendo oltretutto combatteremo anche la cocciniglia della rosa.

Lotta biologica

Altro metodo molto efficace per eliminare gli afidi delle rose è rappresentato dalla lotta biologica che si conduce con le coccinelle. Certo, non potete obbligare le coccinelle a mangiare gli afidi dei vostri roseti ma potete attirarle! Per attirare le coccinelle potete posizionare, accanto alle rose, piante come il tarassaco, la potentilla e il fiordaliso.

Pesticidi naturali

Chi preferisce pesticidi biologici ma non ha tempo per il fai da te può puntare a prodotti a base di piretro. Il piretro è un insetticida naturale che non sviluppa resistenza nei parassiti ed è efficace non solo per le rose ma anche per la gran parte delle piante del giardino e dell’orto.

I prodotti a base di piretro sono facili da trovare nei garden center oppure sfruttando la compravendita online. Per completezza vi rimandiamo a un prodotto per la cura del giardino (piante ornamentali e da orto) proposto su Amazon al costo di circa 16,30 con spese di spedizione comprese nel prezzo: Piretro actigreen Bio.

Esistono altri insetticidi specifici per le rose ma di solito i prodotti biologici per la cura dei fiori sono molto più costosi di quelli dedicati all’orto! Il principio attivo è lo stesso, quindi vi basterà impiegare un prodotto a base di piretro alle dosi indicate in etichetta. Il piretro è efficace contro la gran parte di parassiti insettivori (cocciniglie, pidocchi, acari…). E’ efficace anche contro la cicalina, un piccolo insetto stretto e lungo, di colore bianco e con piccole zampette nella zona apicale.

Come eliminare i parassiti dalle rose:
foglie di rosa bucate dai bruchi

Se le foglie delle rose le trovate mangiucchiate, probabilmente vi è la presenza di uno o più bruchi. In questo caso, potete ricorrere ad un rimedio naturale a base di acqua e pepe. Basta prendere circa 10 grani di pepe e dopo averli pestati li miscelate a circa 500 ml di acqua a temperatura ambiente, lasciateli macerare il tutto per un paio d’ore. Una volta pronto il composto, agitatelo e vaporizzatelo sulle foglie.

Come eliminare i parassiti dalle rose:
 mosca delle rose

Questo parassita si annida all’interno della pianta, cibandosene e deponendo le uova. I rami risulteranno cavi e scuri al centro. Per combattere l’infestazione dovete asportare la parte contaminata, e in particolare i rami dove non si sono formati i germogli.

Parassiti dalle rose bianche, gialle o dai colori chiari, il coleottero

I coleotteri prediligono come preda le rose chiare e quelle più profumati; gli attacchi più massicci si verificano generalmente tra maggio e luglio, prevalentemente di notte. Liberarsene non è così semplice: potete provare trattando le piante con del piretro naturale una volta a settimana. Al termine dell’infestazione, nel mese di novembre è consigliabile smuovere la terra in modo da esporre al freddo uova e larve.

Eliminare il mal bianco della rosa

Il mal bianco, meglio definito come infezione fungina da Sphaerotheca pannosa, può essere contrastato con interventi a base di zolfo bagnabile-80 o di altri prodotti più pratici da impiegare.

Il mal bianco è caratterizzato dalla comparsa di una patina bianca sulle foglie delle rose.

Per curare le rose dal mal bianco è possibile usare un anticrittogamico spray. Anche questa volta potete sfruttare la compravendita web o rivolgervi presso un garden center.
Su Amazon, un “Anticrittogramico Spray” efficace contro mal bianco, ruggine e macchie nere si compra al prezzo di 14,83 euro con spese di spedizione comprese nel prezzo. Il prodotto è a base di rame, ammesso in agricoltura biologica.

La peronospora della rosa

Tra i parassiti della rosa più difficili da debellare figura la peronospora. In realtà, la peronospora è una malattia legata alla presenza di un fungo e non di un insetto.

Le infezioni di peronospora (Peronospora sparsa) richiedono più trattamenti. La peronospora si riconosce per la presenza di macchie sfumate sulle foglie, con leggera muffa biancastra e successivo imbrunimento dei tessuti.

Il trattamento della peronospora della rosa va eseguito con solfato di rame tribasico-15,2 oppure con una poltiglia bordolese-20. Anche in questo caso vi consigliamo di attenervi alle dosi indicate sulla confezione d’acquisto.

Di solito, il trattamento della peronospora, prevede interventi settimanali fino alla scomparsa dei sintomi. Vi consigliamo di eseguire il trattamento anche sulle rose sane.

La peronospora resiste nel terreno, quindi, una volta contratta questa malattia fungina della rosa, eseguite annualmente dei trattamenti a scopo preventivo.

Per il trattamento della peronospora della rosa potete usare della poltiglia bordolese fai da te.

La Poltiglia bordolese è ammessa in agricoltura biologica. Utile anche contro ruggine, septoria, ticchiolatura e corineo.

Ticchiolatura della rosa

In caso di macchie nere sulle foglie e sui tessuti vegetali delle rose, vi invitiamo a seguire le istruzioni viste nell’articolo macchie nere sulle foglie delle rose. In genere se eseguite dei trattamenti contro la peronospora dovreste mettere in salvo le rose anche dalla ticchiolatura ma se non dovesse bastare, vanno usati (oltre la poltiglia bordolese) altri anticrittogamici a base di rame.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 30 aprile 2017