Larve di cetonia

Larve di cetonia

Larve di cetonia, non molto gradite in giardino, perché possono procurare dei danni. Per comprendere il motivo, è necessario conoscere meglio cosa possono diventare da grandi le larve di cetonia.



Cetonia aurata

La cetonia dorata è un coleottero che appartiene alla famiglia degli Scarabeidi, la sua sottofamiglia quella delle Cetoniinae. In verità, il nome che spesso le si associa è “maggiolino”, in verità non è corretto perché il vero maggiolino è il Melolontha melolontha che è sempre un coleottero ma non quello che nasce dalle larve di cetonia.

La presenza della Cetonia di solito è percepibile quando essa va in cerca di corolle di fiori. La si nota attorno a quelle a forma di coppa, preferibilmente, quindi le larve di cetonia amano molto la peonia o la camelia e non disdegnano il ranuncolo e i fiori di melo e cotogno.

La Cetonia può anche mirare ai boccioli se sono di fiori molto grandi, come quelli della rosa.

Larve di cetonia

Larve di cetonia dorata

Le larve di cetonia dorata sono piuttosto piccole e non lasciano immaginare che questo coleottero possa raggiungere anche i 18 mm di lunghezza. Imprevedibile, anche il suo colore “da adulta”, molto metallico, spesso di tonalità verdi. Ci sono però anche larve di cetonia che diventeranno bronzo, rame, viola, blu o grigio-nero, a volte anche con tacche bianche sulle elitre e, occasionalmente, sul pronoto.

La parte del ventre è quasi sempre colore ramato, ma ci sono casi in cui riprende il verde della parte superiore.  Le larve di cetonia svernano nel terreno, oppure in tronchi marcescenti, poi risalgono alla luce del sole, in superficie, verso la primavera, e si trasformano in pupa. Tempo ancora due settimane e poi i coleotteri adulti emergono per cibarsi.

Per produrre larve è necessario l’accoppiamento che permette alle femmine di deporre gruppi di uova (da 6 a 40). I posti preferiti sono i detriti che si raccolgono negli alberi cavi, nel legno marcescente o negli accumuli di sostanza organica. Lo sviluppo delle larve di cetonia può durare da 3 a 12 mesi, dipende anche dal substrato nutritivo e dalla temperatura.

Larve di cetonia: foto

Difficile trovare immagini delle larve di cetonia visto che sono anche molto piccole. É più frequente che vengano immortalate da adulte, con la loro corazza blu-verde smeraldo metallizzato. Avvicinarsi per fotografarle, non è pericoloso, perché da larve o da adulte, sono comunque assolutamente innocui per l’uomo.

Larve di cetonia come eliminarla

Per eliminare le larve è bene evitare che trovino dove crescere, quindi che le femmine non abbiano luoghi dove deporre le uova vicino alle nostre piante. Per prevenire, quindi, la presenza di questi coleotteri, possiamo rivoltare la terra delle aiuole verso novembre, così le uova vengono esposte al freddo invernale. In febbraio possiamo invece usare un geodisinfestante.

Per eliminare le larve di cetonia, invece, la cosa migliore ma anche la più sgradevole, è quella di raccoglierle a mano. Se però la situazione è grave, si può fare uso di trappole adesive di cattura di colore bianco o azzurro, oppure trattare le piante aggredite, una volta a settimana, con piretro naturale (bagnando anche la pagina inferiore delle foglie e gli steli), a partire da 10 giorni prima della fioritura e per tutta la sua durata.

Larve di cetonia nei vasi

Per stanare le larve nei vasi è bene cercarle vicino alle rose o ad altri fiori ma nelle zone umide dove le femmine possono aver deposto le uova. Può aiutarci sapere che questi coleotteri da adulti mangiano fogliame, boccioli, fiori e frutti di more di rovo, lamponi, fragole, albicocche e di tutta la frutta dolce.

Larve di cetonia

Larve di cetonia nel compost

Come accennato, il compost è una delle sostanze in cui le femmine di cetonia è probabile depongano le uova. Per cui è uno dei primi posti in cui dobbiamo controllare che non ci siano larve di cetonia.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 4 giugno 2017