Come curare l’apnea notturna

Come curare l’apnea notturna: come si riconosce e come intervenire grazie a semplici indicazioni e rimedi naturali a costo zero e senza effetti collaterali.

L’apnea notturna è un disturbo che affligge un gran numero di persone.  Ha un nome specifico: sindrome da apnea ostruttiva notturna (OSAS). Gli aspetti sintomatici sono piuttosto chiari e riconoscibili, anche se tanti medici generici sono ancora restii nel diagnosticare questo disturbo. Il risultato è che sempre più persone si svegliano già stanche, irritate, nervose e senza forze.

Chi ne soffre sperimenta una “respirazione artificiale” oppure smette di inalare aria per brevi periodi durante la notte. Le interruzioni possono durare fino a 20 secondi. Senza dubbio, l’apnea notturna comporta delle ripercussioni sul normale funzionamento della respirazione durante il sonno.  Può essere considerato un disturbo grave dato che blocca il flusso d’ossigeno che si dirige verso le diverse parti del corpo mentre si sta riposando.

Come curare l’apnea notturna

L’apnea notturna può diventare un vero problema per chi ne soffre ma anche per chi condivide la stessa stanza per i fastidi arrecati durante la notte. In questa pagina vi daremo alcune indicazioni utili su come curare l’apnea notturna con rimedi naturali.

Riorganizzare i ritmi del sonno

Per trattare l’apnea notturna in modo efficace è consigliabile organizzare i ritmi e le ore di sonno; cioè fare in modo che siano continui e sempre gli stessi. Questo consente all’organismo di entrare in uno stato di riposo “più leggero”. E’ bene ricordare che la mancanza di costanza e di comfort aumentano la possibilità di andare incontro a problemi respiratori. A tal proposito, vi consigliamo di dormire dalle 7 alle 8 ore a notte e di stabilire un orario in cui andare a letto

Perdere peso

I chili in eccesso possono provocare l’apnea notturna. Questo succede perché il collo diventa un sito di accumulo adiposo: il grasso esercita pressione e va a ostruire przialmente le vie respiratorie. Una diretta conseguenza dell’accumulo di grasso a livello delle vie aeree consiste nel russare e nell’interruione dell’attività polmonare: apnea notturna.

Per rimediare a questo disturbo è consigliabile seguire una sana alimentazione, eliminando gli alimenti elaborati, ricchi di zuccheri o con tanti grassi. Alla dieta possiamo associare attività fisica; bastano semplici esercizi.

Dormire sul fianco

Quando si dorme a pancia in su, è più difficile per il sistema respiratorio risolvere i sintomi dell’apnea notturna. La lingua e i tessuti morbidi della gola cadono verso la parte posteriore della bocca e questo blocca le vie respiratorie. Per dormire di lato, basta mettere un cuscino tra le ginocchia; in questo modo evitarete di cambiare posizione involontariamente durante il sonno. È importante non dormire a pancia in giù o in su. Queste due posizioni favoriscono l’interruzione del sonno e vi fanno russare molto di più.

Fare attività fisica

Vi abbiamo già accennato riguardo all’importanza di perdere i chili in eccesso per curare l’apnea notturna. Senza l’attività fisica diventa molto difficile dimagrire, inoltre, l’esercizio costate rafforza le vie respiratorie.

Assumere la giusta quantità di magnesio

L’apnea notturna coinvolge soprattutto i muscoli della zona superiore della gola. Questo vuol dire che bisogna assicurarvi che funzionino in modo corretto. Il magnesio è un micronutriente essenziale per il nostro organismo; influisce direttamente sui muscoli di tutto il corpo, è pertanto consigliabile mantenerlo ai giusti livelli. Potete assumere il magnesio attraverso gli integratori oppure tramite alimenti come:

  • Ortaggi a foglia verde
  • Banane
  • FagioliAvocado
  • Semi vari

Niente fumo attivo o passivo

Il fumo è una delle cause dell’apnea del sonno; le sostanze chimiche della sigaretta provocano costrizione, infiammazione e irritazione delle vie respiratorie. Amate la sigaretta? Chi vuole risolvere questo disturbo in modo efficace dovrà abbandonare il vizio del fumo in caso contrario, sarà improbabile che possa risolvere tale problema. L’ideale è evitare il fumo in tutte le sue forme. Chi non riesce riuscite ad abbandonare questo vizio, può provare con le sigarette elettroniche.

Cantare

Forse è un consiglio che può sembrare banale ma sappiate che il canto rafforza i tessuti morbidi del palato e della gola. Se si aumenta dunque il controllo muscolare di queste zone, sarà possibile ridurre le possibilità che le vie respiratorie si blocchino a causa di muscoli deboli.  Non importa se non si ha una bella voce, basta solo cantare…magari sotto la doccia!

Pubblicato da Anna De Simone il 1 settembre 2017