Coltivare goji in Italia, tutti i consigli

Ripe_goji_berries

Il goji è una solanacea perenne originaria dell’Asia che produce frutti ricchissimi di carotenoidi e vitamina C, importanti sostanze antiossidanti utili all’organismo. Chi intende coltivare goji in Italia non dovrà affaticarsi più di tanto: la pianta di goji è molto resistente e si adatta bene al clima italiano.

Chi intende coltivare goji in Italia potrà trovare molti consigli utili nel nostro articolo “Come coltivare le bacche di goji” dove vediamo:

  • Periodo per coltivare il goji
  • Bacche di goji propagazione
  • Ciclo di coltivazione goji
  • Dove comprare le piante di goji
  • Come potare il goji

Quando coltivare goji in Italia 

Il periodo migliore per avviare la coltivazione della “pianta della giovinezza”, il goji, è la primavera. Durante la primavera è possibile eseguire la messa a dimora mentre nei mesi che vanno da novembre a gennaio si provvede alla potatura. La potatura del goji consiste nel rimuovere tutti i rami vecchi: la pianta fruttifica solamente su rami giovani!

Come si effettua la messa a dimora 
La messa a dimora si esegue da marzo ad aprile, in buche profonde circa 15-20 cm, interrando l’intero pane di terra formato dalle radici nel vaso e facendo in modo che il colletto della pianta -la zona di passaggio tra fusto e radice- risulti a livello del terreno.

L’ideale, per coltivare goji in Italia, consiste nel destinare alla pianta 2 metri quadrati. Alcune varietà di goji possono richiedere dei sostegni per crescere.

Le concimazioni necessarie per coltivare goji in Italia 
Per ottenere piante rigogliose e ottimi frutti è opportuno effettuare periodicamente una concimazione. A febbraio si consiglia di impiegare un concime a lenta cessione come la pollina alla dose di 100 grammi per pianta, in alternativa si può usare letame essiccato e pellettato alla dose di 150 grammi per pianta. Dopo il mese di febbraio, una nuova concimazione va eseguita a fine marzo, in concomitanza con la ripresa vegetativa, in questo caso è bene impiegare un concime ricco di azoto e potassio.

Quando annaffiare il goji
Le irrigazioni si eseguono quando si ingrossano i frutti oppure nei periodi di stress idrico come luglio e agosto.

Come curare il goji
Bisogna stare attenti agli afidi, acari e funghi. Per fortuna, sono rari i casi di attacchi parassitari capaci di causare seri danni alla pianta.

Quando raccogliere i frutti
La raccolta delle bacche di goji si effettua, a seconda della varietà, da inizio luglio fino a fine ottobre. La maturazione delle bacche è scalare, quindi consigliamo di effettuare la raccolta ogni 10 giorni.

Dove comprare i semi di goji per iniziare la coltivazione?

E’ difficile reperire semi di Goji nei classici negozi di giardinaggio, molto più semplice è l’acquisto online. I semi di Goji, al contrario delle bacche, sono molto economici. Nel web si trovano bustine di semi anche per pochi euro; per esempio: Bacche di Goji – 50 Semi a 1,90 euro

Comprare la pianta di Goji già sviluppata

E’ possibile comprare direttamente la pianta di Goji pronta per la messa a dimora presso rivenditori specializzati o negozi online. La Pianta di Goji è proposta dai Vivai Le Georgiche con “attecchimento garantito”, al prezzo di 21,50 euro.

Ti potrebbe interessare anche “Bacche di Goji: controindicazioni”

Pubblicato da Anna De Simone il 12 giugno 2014