Coca Cola e bottiglie riciclate

Sapete che cosa sono queste grosse provette nella foto? Si tratta dell’anima in plastica che alla fine della lavorazione prende le sembianze di una bottiglia da 50 cl. E’ così che nelle fabbriche coca cola inizia il ciclo produttivo e se pensate che una bottiglia di plastica non può essere riutilizzata vi sbagliate. La coca cola vi mostrerà esattamente il contrario!

GUARDA TOUR VIRTUALE DELLO STABILIMENTO COCACOLA

Durante le visite presso alcuni degli stabilimenti coca cola, la prima cosa che mi è saltata all’occhio è stata la lavorazione delle bottiglie. All’inizio apparivano come semplici cilindri in plastica poi modellati con il calore assumevano la loro consueta forma. Oggi Coca Cola e Plastics Eco avviano un progetto per risparmiare annualmente 33.500 tonnellate di anidride carbonica ciò significa che saranno azzerate le emissioni nocive di circa 15.700 auto!

Il progetto ha preso vita nel Regno Unito e affronterà tutte le problematiche legate al riciclaggio. L’iniziativa diminuirà l’impatto negativo che hanno gli imballaggi in plastica sull’ambiente promuovendo l’utilizzo di prodotti riciclabili ed ecologici.

La bottiglia viene prodotto da materiale vergine, il consumatore beve il contenuto e la getta via con l’apposita raccolta, entro sei settimane la medesima plastica avrà iniziato il suo secondo ciclo di vita. Questo potrebbe significare che la stessa plastica presente alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra, potrebbe essere presente anche alla finale! L’impianto di riciclaggio che si occuperà di tutto ciò sarà quello di Lincolnshire.

GUARDA TOUR VIRTUALE DELLO STABILIMENTO COCACOLA

Con un investimento di 5 milioni di sterline, coca cola raddoppierà la produzione di bottigline PET riciclate. Il progetto garantirà che il materiale PET impiegato da Coca Cola per la produzione delle sue bottiglie, sarà per il 25% riciclato. Coca cola in passato aveva già avviato campagne di recupero di plastiche PET ma con tale operazione le opere di riciclaggio raddoppieranno.

Pubblicato da Anna De Simone