Cina, la nuova padrona del Sole

Pochi mesi fa, la Cina ha annunciato di voler quadruplicare i suoi obiettivi nel settore fotovoltaico. A quanto pare la sua fame di energia pulita non è stata ancora placata così aggiunge altra potenza solare ai suoi Goals.



Era solo luglio quando la Cina ha aumentato i suoi obiettivi ufficiali spingendoli a una potenza di 21 GW installata entro il 2015. Poi, un paio di mesi più tardi, a settembre, la Cina parlava di voler portare il suo target a 40 GW. Oggi siamo capaci di fare un po’ di chiarezza circa la posizione della Cina, ripercorriamo prima la sua storia.

Solo 18 mesi fa, l’obiettivo solare cinese, da raggiungere entro il 2015, era pittosto misero, 5 GW. Però, solo nel 2012 la Cina ha installato una potenza di gran lunga superiore ai 5 GW! Piuttosto sorprendente non trovate?

La Cina è in forte espansione economica. I prezzi della bassa manodopera cinese causano problemi ai mercati di tutto il mondo, soprattutto quando si parla di fotovoltaico. Oggi la Cina si è resa conto che può essere sia un grande esportatore di pannelli fotovoltaici, sia un mega produttore di energia pulita. L’energia solare in Cina è scesa di prezzo piazzandosi sulla rete elettrica a un costo piuttosto competitivo, parliamo di un costo attualmente ancora in calo.

Secondo un’analisi condotta dalla Deutsche Bank (la Banca Tedesca), la Cina deterrebbe un tasso di crescita nel settore solare di almeno 10 GW di enerergia installata ogni tre anni. Probabilmente la Deutsche Bank sottostima la capacità di crescita cinese se si considera che solo nel 2012 la potenza installata ha superato i 5 GW.  La Banca Tedesca conclude il suo rapporto affermando che a tali ritmi, la Cina potrebbe spingersi ben oltre i 100 GW di potenza entro il 2020!

Ricapitolando i target fissati dalla Cina entro il 2015

  • Nel giugno 2011 ha raddoppiato il suo obiettivo passando da 5 GW a 10 GW.
  • Nel dicembre dello stesso anno è passata da 10 GW a 15 GW.
  • Nel luglio 2012 è passata da 15 GW a 21 GW
  • Oggi si parlerebbe di passare da 21 GW a 41 GW… qualcuno offre di più?!?

Alla fine del 2011, la Cina neanche figurava tra i 5 paesi con la maggiore capacità di energia fotovoltaica installata. Lo scenario vedeva in testa la Germania, seguita da Italia, Giappone, Spagna e Stati Uniti. Appena si tireranno le somme, con la fine del 2012, lo scenario sarà destinato a cambiare!

Non è tutto oro quello che luccica, la Cina ha una posizione scomoda quando si parla di emissioni nocive e diritti umani.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 dicembre 2012