Cattivo odore tubature bagno, soluzioni

Cattivo odore tubature bagno

Cattivo odore tubature bagno, come eliminare la puzza dagli scarichi del bagno. Spesso la puzza fuoriesce dallo scarico della doccia, dal lavabo o dal wc.

Cattivo odore tubature bagno: pozzo nero e fossa biologica

Chi non usufruisce della rete fognaria pubblica ma si avvale del cosiddetto pozzo nero o della fossa biologica può fare le prime verifiche da qui.  La fossa biologica così come il pozzo nero, sono spesso usata in caso di condomini e gruppi di case isolate che non sono dotate di allaccio alla rete fognaria.

Da quanto tempo che non viene svuotato il pozzo nero? Il pozzo nero ha la necessità di essere periodicamente svuotato poiché, una volta riempito, non è in grado di raccogliere i liquami. D’altro canto, la fossa biologica risente del problema dello smaltimento dell’effluente: questo sistema raccoglie e tratta le acque nere e grigie. Se siete sicuri del corretto funzionamento della fossa biologica e del pozzo nero, ciò che potete fare è tirare già per lo scarico dei microrganismi in grado di degradare il cattivo odore.

Questi microrganismi vanno a riequilibrare la cosiddetta fossa biologica assorbendo il cattivo odore e impedendo la risalita della puzza attraverso lo scarico della doccia, del wc e degli altri scarichi del bagno. In commercio si trovano bustine idrosolubili facili da usare: vi basterà gettarle giù per lo scarico! Questi microrganismi hanno un prezzo che varia dai 10 ai 35 euro e hanno una durata variabile (da un mese fino a un anno).

Su Amazon è possibile acquistare dei microrganismi contro il cattivo odore delle tubature al prezzo di 17,45 euro con spese di spedizioni gratuite. Il prodotto in questione si chiama NBS Sprang, è molto usato anche dalle strutture ricettive (hotel e ristoranti) per eliminare i cattivi odori dalla fossa settica, ed è un prodotto naturale. La confezione comprende 6 bustine da usare a cadenza mensile (il trattamento dura 6 mesi). Per l’utilizzo, vi basterà gettare la bustina nello scarico del wc, attendere che il prodotto si sciolga (è idrosolubile) e tirare lo sciacquone.

Per maggiori informazioni sul prodotto vi rimandiamo alla pagina ufficiale Amazon: NBS SprangOvviamente questo non è l’unico prodotto del genere disponibile, ma lo consigliamo per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Altri prodotti analoghi sono: spurgo biologico, bacchette enzimatiche per scarichi e attivatori biologici in capsule.

Cattivo odore tubature bagno, rimedi naturali

Sono molti i green blogger che consigliano di eliminare il cattivo odore dalle tubature del bagno impiegando prodotti naturali come bicarbonato di sodio, succo di limone o aceto. E’ vero che questi prodotti assorbono o eliminano i cattivi odori ma è altrettanto vero che se la puzza risale dalle tubature del bagno, deve esserci un problema a monte che non va tamponato con rimedi naturali ma affrontato con capacità idrauliche!

Cattivo odore tubature bagno, il sifone

Altra causa ricorrente che può portare alla fuoriuscita di cattivi odori dagli scarichi del bagno è legata al cattivo funzionamento del sifone.

Il sifone è un elemento idraulico inserito in un condotto a forma di U. La funzione del sifone è proprio quella di creare un ostacolo alla risalita dei cattivi odori in virtù della presenza di acqua residua nella sua ansa che funziona da tappo idraulico alle risalite maleodoranti. Il ristagno d’acqua nel sifone va a ostruire il passaggio del cattivo odore che resta intrappolato nelle tubature.

In caso di perdite, ulteriori ostruzioni, eccessiva presenza di tersivi… o semplicemente se avete smontato il sifone e non lo avete richiuso a dovere, è possibile che si verifichi la fuoriuscita di cattivi odori dagli scarichi del bagno.

Tra i rimedi contro i cattivi odori dalle tubature vi sono una serie di interventi che potete fare voi stessi sul sifone. Se nel bagno di casa vostra è presente un sifone a pavimento, anche detto scatola sifonata o pozzetto di ispezione, nelle case di nuova costruzione purtroppo questo elemento è posto sotto al pavimento quindi di difficile accesso. Se la vostra scatola di ispezione è situata sotto al pavimento, sarà necessario individuarla e rompere due mattonelle per accedervi: il lavoro deve essere fatto necessariamente da un esperto.

Se la scatola sifonata è visibile in superficie (sul pavimento, appare come una piastra cromata del diametro mm 110-120 con vite centrale), provate a smontarla controllando la presenza di eventuali ostruzioni e facendo attenzione al livello dell’acqua e alla guarnizione: anche una guarnizione mal montata o consumata può causare la fuoriuscita di cattivi odori.

Se abitate in una casa molto datata, il sifone potrebbe avere un elemento in piombo, molto delicato, anche in questo caso è bene rivolgersi a un idraulico. Per i sifoni che sotto la placca metallica presentano un coperchio in plastica, basta ruotare la farfalla in senso antiorario e togliere il coperchio per accedere al sifone.

Pubblicato da Anna De Simone il 29 giugno 2016