Car pooling in taxi con Taxinsieme

taxinsieme-taxi-car-pooling

Il car pooling contribuisce a ridurre il traffico e l’inquinamento, e anche l’so del taxi è un buon sistema anti-smog per chi può permetterselo. Perché allora perhé non mettere insieme le due cose? A farlo ci ha pensato Taxinsieme, la nuova App per smartphone che permette di cercare compagni di taxi massimizando i vantaggi della geolocalizazione. Obiettivo: ridurre il traffico e rendere più economico l’uso delle auto pubbliche. Milano, Roma e Bari le prime città in cui il servizio sarà disponibile.

E i tassisti? La permalosità della categoria è nota, come prenderanno la novità? Secondo i creatori di questa nuova modalità di car pooling i più contenti saranno proprio i tassisti, che beneficeranno dell’ampliamento del mercato degli utilizzatori del servizio, prima appannaggio di pochi. Anche secondo noi Taxinsieme migliorerà il mondo della mobilità in taxi nel suo complesso, senza sfavorire chi possiede una licenza.

Come funziona Taxinsieme? Si accede al sito e si scarica l’App per smartphone, versione Android (attiva dal 13 dicembre 2013) o versione iOs (attiva dal 7 gennaio 2014). Non c’è obbligo di registrazione. Fatto questo, è possibile inserire la propria ‘ricerca di corsa in taxi’ attraverso parametri di interesse: partenza, destinazione e orario. Il sistema mostra le corse compatibili in ordine di distanza e di intervallo temporale di modo che i fruitori possono incontrarsi sul web.

taxinsieme-logo

Il passo successivo è la scelta della corsa, da cui si accede a ulteriori (importanti) dettagli come il numero massimo dei passeggeri, la flessibilità di orario, i bagagli a bordo e i commenti di vario genere inseriti dall’utente che ha effettuato la corsa in precedenza (a ogni utente viene chiesto un feedback). Se tutte le info di Taxinsieme sono conciliabili con le proprie esigenze, ci si registra e si invia una richiesta di condivisione.

Come si paga il servizio? I due utenti interessati alla stessa corsa in taxi non possono comunicare via sms fino all’accettazione della richiesta di condivisone. Una volta accettata la richiesta, il sistema Taxinsieme scala ad entrambi i passeggeri (che vengono avvisati tramite una e-mail ed una notifica sul sito) un credito tra quelli disponibili e acquistabili sul social Taxinsieme. Solo da qui si può iniziare a chattare nella pagina di dettaglio della corsa o inviarsi messaggi privati che possono servire, per esempio, a raccogliere più passeggeri uno a uno in punti diversi del percorso.

Ecco il video di presentazione di Taxinsieme:

Ti potrebbe interessare l’articolo Carpooling

Pubblicato da Michele Ciceri il 26 novembre 2013