Caffè al Ginseng

Caffè al Ginseng

Il caffè è la bevanda più bevuta dagli italiani e da qualche tempo nel caffè si sta diffondendo un tocco orientale: una nota di ginseng. Quando occidente e oriente si incontrano, almeno in cucina, non possono che nascere abbinamenti strepitosi!

Il caffè ginseng caffè al ginseng è una bevanda amata da molti ma i suoi effetti sulla salute non sono ancora molto chiari.

Se è vero che il caffè è stato scagionato da qualsiasi accusa (la caffeina non aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, così come si pensava un tempo), non si può dire lo stesso per il caffè ginseng che presenta ingredienti diversi.

Caffè al ginseng: ingredienti

In commercio lo possiamo trovare in diverse versioni:

  • Caffè al ginseng per la moka
  • In bustine solubili
  • In capsule
  • Al Bar, fatto con la stessa macchinetta per far il caffè d’orzo

Gli ingredienti del caffè al ginseng variano in base al produttore, quindi ti conviene leggere attentamente l’etichetta. In linea generale, il caffè al ginseng presenta questi ingredienti:

  • Estratto secco di ginseng
    Si tratta di un prodotto disidratato ottenuto dalla macinazione dalla radice del ginseng.
  • Crema di latte
    Nelle versioni casalinghe è spesso usato anche il latte condensato. Alcuni produttori sostituiscono la classica crema di latte vaccino con crema di latte di origine vegetale.
  • Caffè
    Qui in Italia lo conosciamo tutti!
  • Zucchero
    La quantità di zucchero varia e in funzione di questo ingrediente il caffè al ginseng può fare più o meno ingrassare.

Il caffè al ginseng fa ingrassare? Quante calorie ha?
Il caffè è spesso considerata una bevanda senza calorie e in effetti lo è: le calorie dipendono dal tipo di dolcificante usato.

Il discorso è profondamente diverso per il caffè al ginseng in quanto la sua ricetta prevede ingredienti come zucchero e crema di latte.

Caffè ginseng: controindicazioni e proprietà

Per i suoi ingredienti, le controindicazioni sono chiare: chi soffre di diabete deve controllare scrupolosamente la quantità di zuccheri aggiunti e la natura della crema di latte.

Chi soffre di intolleranze al lattosio, deve controllare l’origine della crema di latte.

Non sono chiare, invece, le controindicazioni per chi soffre di ipertensione arteriosa: il tenore di caffeina è inferiore, è vero, tuttavia l’estratto di ginseng ha effetti stimolanti ed energizzanti e non è possibile fare affermazioni generali perché ogni produttore usa dosi e qualità differenti.

Il sapore del caffè ginseng, per i suoi ingredienti, è più dolce del classico caffè.

Il ginseng ha proprietà stimolanti, energizzanti ed è apprezzato perché stimola la mente e aumenta i livelli di concentrazione e resistenza fisica. La vera domanda è: la quantità di estratto secco di ginseng contenuto in un’unica tazzina, è tale da rendere sensibili questi effetti?

Chi vuole sfruttare i benefici del ginseng, dovrebbe affidarsi a integratori specifici.

Il caffè al ginseng fa male?

Chiarite proprietà e controindicazioni, passiamo a un altro dubbio ricorrente: il caffè al ginseng fa male?
Anche se la bevanda, potenzialmente, può offrire diversi benefici, non bisogna dimenticare che si tratta pur sempre di una bevanda con zuccheri aggiunti. In base al produttore, si possono trovare inoltre altri ingredienti come:

  • Aromi artificiali o naturali
  • Coloranti
  • Grassi vegetali
  • Acidi grassi
  • Panna

Per quanto detto, è di fondamentale importanza leggere l’etichetta per comprendere gli ingredienti che costituiscono il tuo caffè ginseng.

Caffè ginseng fatto in casa

Se vuoi scongiurare i rischi legati agli ingredienti aggiunti, puoi preparare il caffè ginseng in casa sfruttando la nostra ricetta. Si tratta di una ricetta testata da noi e fatta a misura del nostro palato: certo che tu puoi modificare le proporzioni degli ingredienti segnalati così da realizzare una ricetta personalizzata in base al tuo gusto.

Ecco gli ingredienti che ti proponiamo, per una moka da 2 tazzine.

  • 1 cucchiaino raso di polvere di ginseng
  • 1/2 tazza di latte condensato
  • 1 cucchiaino di miele di acacia*

*Puoi usare un qualsiasi dolcificante, anche lo zucchero di canna va bene!

Analogamente, puoi sostituire il latte condensato con della panna o del latte di soia, però tieni presente che usando il semplice latte cambia anche la consistenza del caffè al ginseng e non solo il sapore.

Metti la polvere di ginseng nella moka, così mentre il caffè emerge lo scioglierà gradualmente.

Puoi consumare il caffè al ginseng fin da subito, oppure, per una variante più dolce come quella che trovi in commercio, continua la ricetta aggiungendo il latte condensato e il cucchiaino di miele.

Il latte condensato lo trovi in commercio o puoi prepararlo seguendo la nostra ricetta: come fare i latte condensato.

Non sai dove comprare il ginseng in polvere? Prova in erboristeria oppure sfruttando la compravendita online: su Amazon, a “questo indirizzo“, una confezione da 250 gr di estratto secco di ginseng puro (in polvere) lo compri con 14,90 euro e spese di spedizione gratuite.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 settembre 2018