Bici elettrica Harley

E’ la Harley Davidson senza un grammo di benzina aggiunto! Si tratta di una bici elettrica ispirata allo stile della moto da strada più famosa al mondo, la Harley. E’ prodotta dall’azienda californiana Marrs Cycles e si presenta al pubblico con uno stile grintoso, un colore scuro e rifiniture in legno. L’abbiamo soprannominata “bici elettrica Harley” anche se il suo vero nome di battesimo è M-1 Marrs.

Diamo un’occhiata alle specifiche della bici elettrica M-1 Marrs:
Telaio, forcella e manubrio, sono realizzati in Chromoly
Batteria agli ioni di litio
Motore posteriore Brushless
Controlli di sicurezza
Freno a disco idraulico
Pesa circa 63 kg
Altezza di 36″ -misurata dal suolo al manubrio-
Velocità di 33 km/h misurata su superficie piana con un pilota dal peso di circa 80 chilogrammi

GUARDA LE FOTO DELLA BICI ELETTRICA HARLEY

Se vi state chiedendo che cosa è il Chromoly, sappiate che si tratta di un materiale piuttosto famoso nel settore della “metallurgia per ciclisti”. Si tratta di una lega di acciaio contenente cromo e molibdeno. Questo materiale rende il telaio particolarmente resistente a urti, sollecitazioni meccaniche, trazioni… insomma, la bici elettrica Harley è un mezzo massiccio, basta considerare che i test sono stati condotti con un pilota che pesa più o meno 80 kg.

Il prezzo della bici elettrica M-1 Marrs è piuttosto salato! Parte da 7.500 dollari ma si tratta pur sempre di una bici artigianale, con rifiniture in legno e lavorata a mano negli stabilimenti del Sud della California. La bici elettrica M-1 Marrs ha fatto il suo debutto sul mercato qualche mese fa e ha raccolto buone critiche dai ciclisti amanti del genere. Ricordate che se intendete acquistarla per circolare in Italia, nel nostro paese le bici elettriche, in modalità di pedalata assistita, non possono erogare potenza superiore ai 25 km/h, pertanto dovreste operare un adeguamento così da sfruttare i vantaggi offerti dalle bici elettriche:
Zero costi di assicurazione
Zero costi di carburante
Zero bollo e tasse di circolazione

Pubblicato da Anna De Simone il 29 novembre 2012