Aglaonema: pianta del buio

aglaonema

Aglaonema, dal Sud Est asiatico, una pianta che sta bene nella semi ombra. Ottima quindi come pianta da ingresso ma apprezzata allo stesso modo in zone del giardino in cui altre sue colleghe non sono in grado di ambientarsi e di fiorire. Sono piante facili da coltivare e oltretutto producono foglie molto belle, più delle infiorescenze, a dire la verità, perché sfoggiano colori e sfumature non banali.



Anche il nome, “Aglaonema”, a chi sa il greco suggerisce cosa aspettarsi: aglao significa «splendore» e nema «filo». Non c’è invece alcun accenno al fatto che le foglie in parecchie specie sono velenose per gli animali domestici.

Aglaonema: pianta del buio

E’ chiamata pianta del buio perché non lo detesta al contrario di altre. E’ una angiosperma, appartiene alla famiglia delle Araceae come molte altre di nostra conoscenza tra cui Spathiphyllum spp., Dieffenbachia spp., Philodendron spp., Anthurium spp., Caladium. E’ una pianta perenne a crescita lenta, con foglie particolarmente belle, attaccate con lunghi piccioli di colore grigio – verde e che possono assumere sfumature di verde diverse, con screziature e macchie che vanno dal bianco al giallo o all’argento.

Le infiorescenze, come accennato, non sono particolarmente belle, assomigliano a quelle della Calla ma sono di fatto meno spettacolari. Si riducono a brattee, meno colorate e armoniche. Appaiono come quasi delle foglie di diverso colore che avvolgono lo spadice, che porta i fiori maschili nella parte alta ed i fiori femminili nella parte bassa.

Aglaonema simplex

Il Simplex è una specie originaria della Cina ed è a crescita molto lenta, tra le più lente di una categoria di piante già di per sé lente. Produce foglie color verde, dalla consistenza cerose, lunghe 15-20 cm e picciolate. Con il passare del tempo tendono a piegarsi verso il basso, un po’ come depresse, con la loro nervatura centrale screziata e la spata di colore verde con lo spadice di colore bianco-crema.

Aglaonema: pianta del buio

Aglaonema Commutatum

L’Aglaonema commutatum arriva dalle Filippine, invece, e ha delle foglie più coriacee, lisce al tatto e dalla forma lanceolate. Il colore predominante è il verde scuro ma ci sono delle striature in argento che rendono questa specie molto ornamentale. La spata resta abbastanza banale, di colore bianco crema, ma la pianta in sé, con le sue belle foglie, arriva anche a un metro di altezza, quota che, per la categoria, non è affatto ovvia.

Aglaonema Oblongifolium

A proposito di dimensioni, questa specie è la più grande, perché arriva a 1,2 metri di altezza e oltre se ben curata. Come il nome suggerisce, è caratterizzata da delle foglie dalla sagoma lanceolata, ovali, sempre di colore verde ma con delle divertenti macchie bianche. Stavolta la spata non è bianca ma gialla, bianco resta lo spadice. Arriva dalla Malesia e ad oggi risulta essere tra le più gettonate dalle nostre parti, un po’ per le sue sembianze, un po’ per la sua resistenza. La sua spata è verde molto chiaro.

Aglaonema Oblongifolium

Aglaonema: cura

Senza nulla togliere alla loro bellezza tutta verdeggiante, le Aglaonema devono la propria popolarità anche alla facilità con cui possono essere curate. Non è necessario avere il pollice verde per allevarle con successo. Vediamo qualche accorgimento per far sì che possano darci soddisfazione.

Le temperature ottimali di coltivazione sono di 16°C durante la notte e 18°C durante il giorno, non serve tanta luce, la penombra va benissimo ma facciamo in modo che stiano in una posizione in cui c’è ricambio di aria, senza che però diventi corrente d’aria forte e sgradevole per qualsiasi essere vivente, piante comprese.

Trattandosi di piante a crescita lenta, basta rinvasarle ogni 2-3 anni, non è invece necessario potarle, solo ci viene richiesto di fare attenzione alla loro crescita per eliminare le foglie che via via seccano. Questo è anche un modo per evitare che queste foglie marce o secche diventino veicolo di malattie parassitarie.

Aglaonema online

Troviamo l’Aglaonema in quasi tutti i negozi di giardinaggio, tanto è diffusa. Non è detto che ci siano tutte le varietà, certo, ma le più comuni di certo. Possiamo anche acquistarla on line, su Amazon, dove troviamo esemplari da 15 cm a 18 euro.

Aglaonema online

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 4 luglio 2018