2012, l’anno dell’energia eolica?

L’energia eolica è rinnovabile, sostenibile e a basso costo. L’industria ha migliorato le performance di Turbine e Pale, la tecnologia eolica continuerà a migliorare diventando sempre più conveniente per l’economia e per l’ambiente. I progetti a lungo termine vedono l’energia eolica affiancarsi a quella solare in uno scenario dove le centrali a carbone andranno via via diminuendo. L’energia solare trova una più ampia applicazione, infatti per sfruttare i raggi del sole basta un semplice piano come può essere il tetto di un edificio, per le turbine eoliche il discorso è più complesso, sono necessari grossi impianti per ospitare turbine e pale di dimensioni enormi.

Dopo l’energia idroelettrica, quella eolica è la fonte di energia rinnovabile più economica; purtroppo, il vento tende ad essere molto forte due volte al giorno, causando picchi di potenza che non corrispondono al diagramma della domanda, in altre parole in fabbisogno energetico della popolazione raggiunge picchi quando la potenza del vento è minima. Al contrario dell’eolica, l’energia solare è tra le più costose non solo in termini di dollari per watt prodotto: l’energia solare arriva a costare 12, 16 centesimi di dollaro per ogni chilowattora, un costo nella media ma se si pensa che ogni parco solare è stato costruito sfruttando sovvenzionanti pubblici, di certo un settore delle rinnovabili non può essere basato su continue sovvenzioni. Una centrale a carbone efficiente, può produrre energia per 2,5 centesimi al chilowattora, una centrale nucleare aumenta a 4-6 centesimi a kWh. L’energia eolica è una valida alternativa, in questo settore ogni chilowattora può essere pagato dai 5 ai 7 centesimi, circa la metà del costo dell’energia prodotta con il solare e al contrario del nucleare e delle centrali al carbone, rappresenta una fonte di energia pulita e rinnovabile.

Pubblicato da Anna De Simone il 12 gennaio 2012