Olio di semi di lino

I semi di lino sono una fonte ricchissima di acidi grassi essenziali, mucillagini, proteine, minerali, vitamine B1, B2, E e soprattutto F. Dai semi di lino si può ricavare l’omonimo olio, caratterizzato in prevalenza da trigliceridi di acidi grassi polinsaturi essenziali (ω3 e ω6).

Olio di semi di lino, le proprietà
L’olio di semi di lino è un olio altamente benefico dalle tantissime virtù terapeutiche. La maggior parte delle persone segue diete alimentari con un livello eccessivo di acidi grassi Omega-6 e una quantità minore di acidi grassi Omega-3. L’olio di semi di lino è un integratore nutrizionale estremamente vitale dato che è la fonte naturale principale di acidi grassi Omega-3. L’attività antiossidante è data dall’ottimo contenuto in vitamina E (17,5 mg per 100 g). Buono anche il contenuto di lecitina, un gruppo di fosfolipidi utili per garantire il buon funzionamento delsistema nervoso e del cervello. Nell’olio di semi di lino non mancano le proprietà antiemorroidali, anticolitiche e regolatrici sulla funzione intestinale.

Olio di semi di lino, l’impiego
Sono sufficienti due cucchiaini di olio di semi di lino per sopperire al fabbisogno giornaliero di Omega-3 ma per assimilarli ed elaborarli nel modo migliore è preferibile assumerlo in pasti con pochissimi grassi animali e zuccheri semplici. Il suo migliore impiego è riscontrabile in un pasto leggero a base di verdure e carne bianca facendo sempre attenzione a non superare le dosi di assunzione consigliate. Va assolutamente impiegato a crudo e mai per fritture o soffritti). La stessa cosa vale per i semi di lino.

Olio di semi di lino, la conservazione
L’olio di semi di lino è venduto in erboristeria in piccole bottiglie di vetro scuro (250 o 500 ml). Non può essere conservato a lungo anzi va assolutamente consumato entro un mese dall’apertura. Evitare di tenerlo a fonti di luce e calore e conservarlo in luogo fresco. All’apertura è preferibile conservarlo in frigo assicurandosi che il tappo sia ben chiuso.

Indicazioni utili: non travasare mai l’olio in contenitori di plastica e assicurarsi che sia conservato in Ambienti controllati termicamente e non caldi per rallentare i processi di irrancidimento provocati dal calore

In vendita esistono anche capsule di olio di lino ma hanno una quantità modesta di acidi grassi essenziali: per sopperire è sufficiente consumare diverse capsule al giorno per arrivare all’equivalente di almeno 3 grammi/die di olio di lino.

Pubblicato da Anna De Simone