Volpe artica

Volpe artica

Volpe artica, un animale non facile da incontrare, da un lato perché vive in zone davvero impervie, dall’altro perché non ne esistono moltissimi esemplari ed è quindi una creatura da preservare e da conoscere.



Volpe artica polare

Il suo nome nella comunità scientifica è Alopex lagopus, questo animaletto è una piccola volpe, nativa della regione artica e che vive prevalentemente nella tundra, con tonalità del pelo tendenti al bianco, e nelle aree costiere dove invece sfoggia una pelliccia azzurra.

La sua dieta è sostanzialmente a base di lemming, a cui affianca però altri animali come lepri artiche, uccelli e loro uova o pulcini. Nei mesi di aprile e maggio va a caccia di cuccioli di foca perché è il momento in cui è più probabile coglierli indifesi, ma la dagli anelli, poiché questi animali sono confinati sulla neve e relativamente indifesi, malgrado ciò la volpe artica non se la sta cavando benissimo e sta perdendo terreno in confronto alla più grossa volpe.

Volpe artica: pelliccia

Oltre che variare sfumatura, diventando più azzurra vicina alle zone costiere, la pelliccia della volpe artica cambia colore anche con le stagioni. In inverno è più folta e candida, di norma, mentre diventa marrone e più rada durante la stagione calda quando il sottopelo si riduce.

Rispetto alla volpe rossa, oltre alle differenze di pelliccia ci sono quelle più morfologiche: la volpe artica ha orecchie più rotonde e una diversa dimensione, dai 53 ai 55 cm di altezza, per circa 4 kg di peso totale.

Quando si parla di pelliccia di animali come la volpe artica, si deve anche pensare a chi la indossa pur non essendo volpe, avendo acquistato un cappotto o una giacca con un bordo di pelliccia di questo animale. Una bella notizia è arrivata su questo fronte all’inizio del mese di maggio.

Volpe artica: pelliccia

A darla è stato il marchio Burberry che in una nota ha spiegato di aver deciso di rinunciare all’utilizzo di pellicce vere nelle sue prossime collezioni a seguito delle continue pressioni degli animalisti. Le collezioni più recenti già non hanno pelo vero e sembra che Burberry stia rivedendo tutti gli altri prodotti in pelliccia.

Non è il primo a fare un dietro front su questo fronte, anzi, il marchio arriva piuttosto in ritardo rispetto ad altri che già da tempo hanno tolto la pelliccia alle proprie collezioni. Mi riferisco a Gucci, Versace e Stella McCartney. Oltre a dei colli di pelliccia di volpe artica, importati dalla Finlandia, Burberry aveva utilizzato anche pelle di cane procione asiatico e ha proposto da sempre una vasta gamma di piumini con pelliccia.

Volpe artica: immagini

Volpe artica: immagini

Volpe artica: immagini

Volpe artica: dove vive

Questo animale, pur con numeri modesti, vive in diverse aree sparse per la zona circumpolare tra cui Russia, Canada, l’estremo nord dell’Alaska, la Groenlandia e anche in zone subartiche e alpine come ad esempio l’Islanda. In Scandinavia è un animale a rischio perché minacciato dalla caccia.

Volpe artica: cuccioli

Coppie fisse e fedeli, nella popolazione delle volpi artiche che si formano nella stagione della riproduzione e ad ogni nidiata ogni coppia ha dai 6 ai 12 cuccioli. In estate nascono, crescono in grosse tane e il loro numero dipende anche dall’abbondanza di cibo. Sono animali che imparano in fretta a cavarsela, a procurarsi cibo e ad essere indipendenti.

Se vi piacciono le volpi non potete non andare a conoscere il Fennec  e la Volpe del Deserto

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 21 giugno 2018