Sverminare cane e gatto

Sverminare

Sverminare cane e gatto non è una mera perdita di tempo e nemmeno una precauzione da padrone prudente e ipocondriaco, è una operazione importante per la salute del nostro animale e anche degli altri membri della nostra famiglia, noi compresi. Può capitare che il nostro cane o il nostro gatto, in giardino e soprattutto in una passeggiata, annusino in giro assumendo a loro e a nostra insaputa uova di vermi. Poi finiranno per dover essere Sverminati!



Ci sono anche azioni preventive importanti, la prima è capire dal loro comportamento e dal tipo di infezione, come meglio procedere. In ogni caso l’incombenza di sverminare cane e gatto è un compito da svolgere più volte all’anno.

Sverminare: prodotti

In commercio troviamo ormai medicinali moderni per sverminare che in generale non provocano fastidi né ai cani né ai gatti e sono semplici da trovare. Possono essere compresse, paste, spot-on o iniezioni.  Per proteggere la salute gastrointestinale dei nostri animali possiamo procurarci su Amazon a 1 euro questo gel all’Aloe Vera che oltre a combattere parassiti e vermi, aiuta la digestione, contrasta il vomito e cura il colon irritabile.

Sverminare

Per sverminare cani e gatti ci sono anche delle compresse di antiparassitario intestinale a base di Mebedanzolo e Praziquantel, ottime per eliminare le principali infestazioni da vermi tondi e piatti (cestodi, nematodi). Su Amazon a 20 euro possiamo procurarcene una confezione da 12, per poi somministrarne una ogni 8 Kg di peso per due giorni consecutivi.

Sverminare cane

Non si pensi che, siccome abbiamo il cane al guinzaglio, o addirittura quasi sempre in casa, sverminare non sia una operazione necessaria. Meglio prevenire che curare, in questo come in molti casi, e anche i cani più timidi adorano annusare dove non dovrebbero.

Può inoltre capitare che i cuccioli nascano già infetti o che lo diventino nei primi giorni di vita a causa del latte materno, proprio per questo dal primo mese di vita in poi è meglio siano sverminati ogni 2 settimane fino al termine della fase delle poppate. Sarebbe ancora meglio, in presenza di una cagnolina gravida, sverminarla già, per far nascere cuccioli sani.

In altri termini questo significa effettuare quelle prassi sanitarie diventate ormai obbligatorie per salvaguardare la salute del proprio peloso. Quindi oltre ai vaccini, una delle prassi obbligatorie che possano assicurare una sana crescita del cane è sicuramente la sverminazione.

Sverminare è a tutti gli effetti un passaggio doveroso quanto i vaccini, appena arriva un cucciolo, o anche un nuovo cane, tra le nostre braccia.

Sverminare cane: costo

Come anticipato consigliandovi i prodotti, il costo di sverminante può variare dai 12 ai 25 euro, dipende dalle dosi e dalla tipologia di farmaco che scegliamo, meglio consultare il veterinario che potrà anche suggerirci quando e come sverminare un cane adulto. In generale è una prassi caldeggiata prima della gravidanza e dopo l’allattamento, per le femmine.

Altri consigli extra-farmaci, che possono evitarci di sverminare il cane più frequentemente del dovuto, riguardano ad esempio la cottura del pasto, molto accurata, e il lavaggio regolare delle ciotole. In assoluto evitiamo che il nostro amico mangi resti di animali morti.

Sverminare

Sverminare gatto

Più ancora dei cani, i gatti se ne vanno a zonzo indipendenti e curiosi, se non li teniamo chiusi in casa, e non ci vengono certo a informare su ciò che hanno annusato e leccato. Ecco quindi che sverminare i gatti è molto importante: almeno una volta l’anno se domestici, altrimenti almeno quattro volte all’anno.

Sverminare gatto: costo

I prodotti per sverminare che troviamo in commercio spesso sono adatti sia ai cani sia ai gatti e il prezzo resta ragionevole: dai 12 ai 25 euro. Oltre che sulla loro composizione, è necessario informarsi anche sulla tipologia di verme che il nostro gatto ha, in modo da scegliere il prodotto migliore, oppure quello che agisce contro tutti i vermi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Vi potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 7 dicembre 2016