Settimana bianca nella Stazione Sciistica di Amburgo

Quello di Amburgo-Wittenburg è tra i più grandi ski center d’Europa. La stazione sciistica indoor è alimentata da energia pulita grazie a un immenso impianto fotovoltaico allestito sul tetto dell’intero edificio. La stazione sciistica tedesca si prepara ad accogliere un grosso incoming turistico ed è pronta a soddisfare il proprio fabbisogno energetico grazie ai moduli solari che gli forniscono una potenza totale di 3,6 MW. L’Alpicenter di Amburgo ha una marcia in più.

Il centro di sport invernali della provincia di Amburgo-Wittenburg, in Germania, può vantare l’autoconsumo di energia elettrica pulita riducendo drasticamente i costi energetici, in più, l’effetto ombra dato dall’installazione dei pannelli solari riduce la potenza necessaria per far funzionare il sistema di raffreddamento.

GUARDA LE FOTO DELL’ALPICENTER DI AMBURGO

Lo Ski Center è gestito dal gruppo olandese Van der Valk e può vantare una superficie di 30.000 mq di piste innevate. Il sistema fotovoltaico montato sul tetto della stazione sciistica consente alla struttura di operare 365 giorni all’anno, utilizzando esclusivamente l’energia auto-prodotta.

Se siete amanti di sport invernali e della natura, sapere che lo Ski Center di Amburgo-Wittenburg è completamente indipendente dalla rete elettrica pubblica, non potrà mancare tra le vostre mete turistiche. In più il Gruppo Van der Valk non ha usufruito di sovvenzioni pubbliche per le energie rinnovabili della Germania. A fornire i moduli solariè stata l’azienda Canadian Solar e il progetto è stato pianificato e realizzato dalla società Dr. Metje Consulting.

GUARDA LE FOTO DELL’ALPICENTER DI AMBURGO

L’applicazione strategica di moduli solari ha concesso alla struttura di ridurre il carico energetico richiesto dalla tecnologia di raffreddamento: la copertura fotovoltaica, così allestita, riduce la temperatura della superficie del tetto del 50% quindi da un lato produce energia pulita e dall’altro garantisce un’ottima efficienza energetica.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 settembre 2012