Sensore ambientale Sensordrone

Ci saranno radiazioni nell’aria? E quale sarà il livello di inquinamento? Queste e altre domande trovano risposta nel vostro smartphone grazie a un particolare sensore che ha le sembianze e le dimensioni di un portachiavi!

Per anni gli scienziati hanno parlato di inserire “sensori intelligenti” nei telefoni cellulari così da raccogliere una gran quantità di dati ambientali che vanno dal livello di inquinamento atmosferico alle radiazioni. Tuttavia, inserire tali sensori in uno smartphone risulta alquanto difficile, molto più pratico è far comunicare un sensore esterno con il proprio dispositivo portatile! A pensarci è il Sensordrone.

Il progetto è in attesa di finanziamenti su Kickstarter ma ha già quasi raggiunto i fondi necessari per la produzione. Il successo è chiaro, tanto che oggi, a 37 giorni dalla scadenza, il team di ideegreen.it voleva acquistare in anteprima uno dei prototipi beta del Sensordrone ma la scritta “Sold Out” ci ha fatto capire quanto è forte l’interesse pubblico sul Sensordrone.

Il Sensordrone è un sensore ambientale dal design compatto ed elegante. Appare come un piccolo rettangolo in metallo, per utilizzarlo non è necessaria alcuna configurazione, basterà lanciare un applicazione e il sensore ambientale sarà capace di rispondere alle tue domande circa la qualità dell’ambiente che ti circonda.

GUARDA LE FOTO DEL SENSORDRONE

Ma cosa rileva il Sensordrone?
Umidità ambientale, monossido di carbonio, ppm, intensità luminosa, pressione, VOCs e tanti altri parametri. Sensordrome potrebbe essere una un’ottima arma per i cittadini italiani. Lo Stato italiano continua a dirci che la qualità ambientale in cui vertono le nostre città è ottima, opinione che spesso viene contestata da centri ambientali privati. Con il sensordrome possiamo essere noi stessi a monitorare l’ambiente e capire l’impatto ambientale che  hanno le industrie e le fabbriche della nostra città.

Sarebbe fantastico attivare il sensore ambientale Sensordrome mentre si viaggia in bicicletta o in moto, così da fare queste indagini degne di Tony Stark della Stark Industries, con o senza panni di Ironman!

A cura di Anna De Simone

Pubblicato da Anna De Simone il 14 giugno 2012