Segnala al FAI il tuo Luogo del Cuore e aiuta a salvarlo

 

Censimento FAI

Il Museo di Totò al Rione Sanità è 4° in classifica a inizio novembre

Le segnalazioni sono già una montagna, ma per I Luoghi del Cuore si ha la sensazione di non fare mai abbastanza. Ecco perché il Censimento FAI edizione 2012 è stato prolungato dal 31 ottobre al 30 novembre con l’opportunità di segnalare al Fondo Ambiente Italiano  il luogo amato che si vorrebbe salvare, conservare intatto e consegnare alle generazioni futuro. C’è posto per tutti I Luoghi del Cuore: tesori ambientali e artistici piccoli e grandi, più o meno noti, che occupano un posto speciale nella vita di chi li ha a cuore. Il censimento FAI 2012 I Luoghi del Cuore è un’iniziativa del FAI in collaborazione con Intesa San Paolo.

L’obiettivo del Censimento FAI è quello di portare alla luce il pezzettino d’Italia che sta nel cuore di ognuno di noi, perché arrivi all’attenzione di tutti e ci si possa attivare per salvarlo. Il meccanismo, semplice, è quello della segnalazione: via internet tramite il sito del censimento (a fine articolo trovate tutti i riferimenti) o con la cartolina distribuita nelle filiali Intesa San Paolo e nelle sedi FAI di tutta Italia. Ogni persona può segnalare più di un luogo del cuore ma per ogni luogo potrà esprimere una sola votazione.

La novità di questa sesta edizione del Censimento FAI è che l’iniziativa esce dai confini nazionali e si rivolge per la prima volta a tutti coloro che nel mondo amano l’Italia. A segnalare il proprio luogo italiano del cuore possono essere infatti cittadini di ogni nazionalità e ciò rende questa la prima campagna internazionale in 37 anni di storia del FAI.

L’internazionalizzazione del Censimento FAI è stata possibile grazie alla collaborazione del Ministero degli Affari Esteri, della Società Dante Alighieri e di molte prestigiose istituzioni con sede all’estero, come Europa Nostra, Order Sons of Italy in America (che conta oltre 600.000 associati negli Stati Uniti), il Dipartimento Italiano dell’University of Yale e il Corriere Canadese.

Cosa sarà delle segnalazioni? Serviranno a far conoscere luoghi nascosti, magari trascurati o abbandonati. Per alcuni di essi potranno essere fatti degli interventi. Il FAI invierà a soprintendenti, sindaci e presidenti regionali territorialmente competenti la notizia dell’avvenuta segnalazione affinché conoscano il vivo interesse dei cittadini nei confronti dei beni sul loro territorio.

Il FAI, da regolamento, si impegna inoltre a intervenire su uno o più beni tra quelli che riceveranno il maggior numero di segnalazioni, attivandosi per sostenere le azioni di recupero, tutela e valorizzazione promosse sul territorio. Tanto per avere un’idea, dopo il Censimento FAI 2010 sono stati messi in atto ben 11 progetti di intervento.

A scegliere I Luoghi del Cuore su cui intervenire sarà anche in questa occasione una giuria composta un rappresentante del FAI, uno di Intesa san Paolo e da un autorevole rappresentante del mondo della cultura designato dal FAI.

Sul sito web del censimento è consultabile la classifica sempre aggiornata de I Luoghi del Cuore in base alle segnalazioni che giungono al FAI tramite il sito web giorno per giorno (escluse le cartoline). Dal sito è anche possibile oltre che scaricare i materiali di comunicazione che possono servire a gruppi e associazioni per promuovere al loro interno la campagna.

Per segnalare I Luoghi del Cuore http://www.iluoghidelcuore.it

 

GUARDA IL VIDEO

Pubblicato da Michele Ciceri il 2 novembre 2012