Safari: un’avventura green

Il Safari è una lunga escursione caratterizzata da una full immersion nella natura con l’unico scopo di conoscere e osservare la fauna selvatica. Il Safari, un tempo praticato dai cacciatori, ora è divenuto un cult tra i fotografi amanti della natura: niente bracconaggio, unica cosa che il turista può catturare è solo una bella fotografia dell’animale, niente trofei di caccia solo del sano turismo naturalistico!



Il luogo più visitato è l’Africa (Kenya, Tanzania, Namibia, Mozambico). Molte di queste zone sono state considerate patrimonio comune dell’umanità dall’UNESCO. E’ vero, l’Africa è la meta più gettonata e quando si parla di safari è difficile immaginare santuari marini, l’immaginazione ci proietta dritti tra la steppa della savana, magari con un rinoceronte all’orizzonte!

E’ possibile anche effettuare safari in altre zone del nostro pianeta, con paesaggi ben diversi da quelli del continente africano ma sicuramente non meno interessanti, come ad esempio quelli in 4×4 organizzati in Polinesia, sull’isola di Tahiti. L’entroterra dell’isola può essere esplorato mediante safari che partono all’alba e fanno rientro nei resort in serata.

Chi si avventura alla scoperta di una località selvaggia e incontaminata, comprende subito il bisogno di un 4 x 4. Questi veicoli conducono i visitatori verso sentieri mai battute, strade dissestate e territori tortuosi senza correre il rischio di restare “impantanati”

Un safari non è una vacanza, ma un viaggio che può cambiare la vita, un’esperienza capace di suscitare forti emozioni e che può ispirare un profondo amore per l’ecoturismo

Gli amanti della fauna selvatica non possono fare a meno di innamorarsi della Tanzania e del Kenya: Masai, Mara, Amboseli National Park, Ngorogoro Crater … sono solo alcune delle località da esplorare.

Ogni safari degno di nota prevede anche una vera e propria immersione nella cultura dei popoli locali, con visite organizzate ai villaggi che permettono di capire come si vive in un habitat così diverso dal nostro.

Gli incredibili luoghi che potrete ammirare in un safari

Tra le località più gettonate dell’Africa, vi è il leggendario Kruger National Park, in Sud Africa, un viaggio selvaggio e spettacolare. Qui i safari si fanno in compagnia di un ranger che guiderà i visitatori tra mandrie di rinoceronti e stagni di ippopotami. Il ranger, a bordo di un veicolo o anche tramite trekking guidati, potrà proporre ai visitatori incontri ravvicinati con i famosi “Big 5” (elefante, leone, leopardo, rinoceronte e bufalo), garantendo al contempo la massima sicurezza.

Tra la fauna selvatica del Parco Nazionale di Kruger rientrano molti altri animali affascinanti: zebre, giraffe, gazzelle, scimmie e uccelli dalle dimensioni incredibili come il grosso bataleur.

GUARDA LA NOSTRA GALLERIA FOTOGRAFICA SUI SAFARI

Safari: consigli per le fotografie

Organizzare un safari per le proprie vacanze richiede sicuramente un investimento economico non trascurabile e spesso nella nostra vita abbiamo l’opportunità di effettuarne uno solo. Per questo motivo è importante partire preparati e con un’attrezzatura adeguata.

Ecco quindi i nostri consigli su cosa ricordarsi di portare per evitare di … “mangiarsi le dita” :-) quando sarete al cospetto di “re leone”:

  • due macchine fotografiche: al giorno d’oggi i prezzi delle macchine fotografiche sono relativamente contenuti e portare con voi due macchine fotografiche potrebbe essere una scelta vincente per tutelarvi da eventuali malfunzionamenti
  • batterie sostitutive: è importante ricordare che le batterie delle macchine digitali hanno durata limitata. Portate quindi almeno 2 o 3 batterie.
  • una scheda di memoria aggiuntiva a quella principale ed eventualmente un hard disk portatile dove scaricare le foto scattate al termine della giornata.
  • teleobiettivi piuttosto che grandangolari. Non sempre gli animali saranno vicini per cui un teleobiettivo vi permetterà di scattare belle immagini evitando il rischio di ritrarre “un puntino in una savana sterminata”.
  • convertitori per le prese: dimenticarsi di verificare il tipo di presa utilizzata nel paese di destinazione potrebbe costarvi molto caro! ;-) I convertitori costano pochi Euro e potete comprarli nei principali negozi di elettrodomestici o nei grandi magazzini di informatica o ancora online su Amazon.
  • caricabatterie solare: non sempre avrete a portata di mano una presa e i nuovi caricabatterie solari iniziano ad essere decisamente efficienti, soprattutto in luoghi dove il sole non manca. Non fatevi “fregare” prendendo quelli da 4 soldi: il mio consiglio per trovare qualcosa di decente e realmente funzionante è di puntare sui modelli che si aprono e presentano celle solari su una buona superficie, come il RAVPower disponibile su Amazon a circa 45 Euro.

Safari al Parco Tsavo Est in Kenya: le foto di Matteo

Qui di seguito vi propongo tre scatti  effettuati da Matteo Di Felice, il fondatore di IdeeGreen, in un safari realizzato qualche anno fa al Parco Tsavo Est, in Kenya.

Safari Leone

Il “re della savana” mi guarda: chissà cosa starà pensando …

 

Safari bicicletta

Ma quanto è felice con la sua bici anche se è alta il doppio di lui? :-)

 

Safari tramonto

Cosa commentare? Il tramonto sulla savana è uno dei momenti magici dei safari

Pubblicato da Anna De Simone il 14 settembre 2013