Riparare una crepa nel muro

riparare una crepa nel muro

Riparare una crepa nel muro: istruzioni per risanare il muro di casa eliminando crepe e fessure superficiali. Crepe nel muro, quando preoccuparsi e altre info.

Una crepa superficiale è una spaccatura lunga e stretta che interessa la parte più esterna della muratura: vernice e intonaco.  In questa pagina vedremo cosa fare in caso di crepe nel muro: come ripararle sia in caso di muro interno, sia in caso di muro esterno.

Quando una crepa nel muro è più profonda e interessa buona parte della muratura, si parla di fessurazione e in questo caso sarebbe meglio preoccuparsi e analizzare le possibili conseguenze sull’intera casa.

Crepa nel muro, quando preoccuparsi

Quando, le crepe nel muro di casa devono preoccupare? Per rispondere a questa domanda dovremmo conoscere la storia del fabbricato in questione tuttavia, in questo paragrafo proveremo a dare una prima risposta.

Le crepe superficiali che interessano solo lo strato di vernice e l’intonaco sottostante, non dovrebbero innescare preoccupazioni, la causa è quasi sempre l’umidità di risalita, le infiltrazioni d’acqua o i muschi. Quando la crepa nel muro consiste in un’autentica fessura nelle murature di casa, il discorso cambia e bisogna fare una importante stima.

La comparsa di una fessurazione nella muratura di casa indica che c’è stato un movimento e la valutazione da fare è se questo movimento ha causato gravi conseguenze sul fabbricato. Per avere maggiori informazioni sulle fessure nei muri vi rimandiamo all’articolo crepe nelle murature, in questa pagina tratteremo solo le crepe superficiali. In generale:

  • se la fessurazione nella muratura coinvolge un muro portante, potrebbe essere opportuno preoccuparsi.
  • Se la fessurazione nella muratura riguarda una parete divisoria interna alla casa, è preoccupante solo se notate un dislivello sul pavimento.
  • In qualsiasi caso, in presenza di crepe profonde nelle mura di casa, è opportuno rivolgersi a un tecnico per la stima dei danni.

Riparare una crepa nel muro esterno

Tornando alle crepe superficiali, queste riguardano l’intonaco e in genere sono un chiaro sintomo della presenza di umidità nel muro. Per riparare una crepa nel muro, sia esso esterno, sia esso interno, si esegue la medesima procedura; l’unico accorgimento da seguire è che in caso di muri esterni dovete scegliere intonaco e pittura per esterni, cioè resistenti agli agenti atmosferici.

Per riparare la crepa sul muro esterno vi consigliamo pitture antimuffa, antialga e antimuschio: alcune pitture conservano una sostanza biocida in grado di prevenire la comparsa di muffe o muschi nel muro. Per quanto riguarda il procedimento seguite quello visto per i muri interni.

Riparare una crepa sul muro interno di casa

Per riparare la crepa dovrete agire su tutto l’intonaco interessato. Utilizzate un raschietto a V per asportare l’intonaco rovinato e interessato dalla crepa. Se l’intonaco è cedevole, con mazzuolo e scalpello a punta piatta, togliete tutte le parti decadenti.

Attenzione! 
Se il muro è talmente mal ridotto che, oltre l’intonaco, viene via anche parte del cemento sottostante, seguite la guida Come recuperare un muro esterno, le stesse procedure possono essere usate per i muri interni di casa.

In caso di crepe su muri in perfetto stato di salute, dopo aver usato il raschietto a V passate una spazzola di ferro o della carta abrasiva a grana grossa (100) per ottenere una superficie liscia. Infine dovrete:

  • Pulite la crepa con un pennello asciutto così da rimuovere la polvere.
  • Inumidire la crepa con qualche goccia d’acqua.
  • Se la superficie è porosa e per niente irregolare, passare un primer fissativo. Attendete il tempo di asciugatura (da 2 a 6 ore)
  • Passate l’intonaco in pasta pronto all’uso facendo molta pressione al momento dell’applicazione.
  • Riverniciate la parte interessata dalla riparazione solo quando lo stucco sarà completamente asciutto.

Che materiale impiegare per riparare la crepa nel muro?

  • Stucco riempitivo per muri
    Meglio se ad asciugatura rapida.
    Servirà per “stuccare la crepa“, o meglio, andare a riempire lo spazio della fessura nel muro. Va applicato con una spatola in senso perpendicolare rispetto alla crepa (non va messo dall’altro verso in basso, ma da sinistra a destra e poi da destra verso sinistra per assicurarsi che l’intera fessura sia riempita dallo stucco). Nell’applicazione, fate penetrare bene lo stucco nella fessura: applicate molta pressione con la spatola!
  • Nastro di rinforzo
    Serve per evitare che la crepa si riforma e va applicato dopo lo stucco. Utilizzate il nastro di rinforzo solo se la crepa nel muro tende spesso a formarsi. Dopo l’applicazione, fate una seconda passata, sottilissima, di stucco.

Ti potrebbe interessare anche

 

Pubblicato da Anna De Simone il 26 maggio 2016