Rimedi naturali alle malattie delle piante

 Mini serra in casa

Esistono valide alternative agli insetticidi acquistati contro i parassiti delle piante. Si tratta di ricette che possono essere preparate in casa con elementi e prodotti vegetali naturali, quasi tutti facilmente reperibili in dispensa e dintorni. Questi preparati chimici (perché comunque di chimica si tratta, anche se parliamo di macerati vegetali) sono l’ideale per la cura biologica delle piante in vaso contro la maggior parte delle infestazioni parassitarie causate da afidi, pidocchi, ragnetti e altre ancora.

Insetticida organico. Va preparato al momento, giusto prima dell’uso, frullando un’insalata fatta con 1 spicchio di aglio con la buccia, 3 cipolle affettate con la buccia, 3 peperoncini piccanti freschi, 1 bicchiere d’acqua. Il frullato va filtrato con una garza di cotone e lasciato riposare per 24 ore. Prima di spruzzarlo sulle piante, il preparato va diluito con 4 litri di acqua. Per un buon risultato il trattamento va ripetuto  almeno 3 volte a distanza di 10 giorni, con un preparato sempre fresco. Questo Horganic Hot Spray, chiamato così perché molto piccante (attenzione agli occhi!) contiene olii essenziali repellenti, oligoelementi e sostanze antibiotiche naturali efficaci contro ragnetto rosso, afidi e mosca bianca.

Macerato di tabacco. Preparare una soluzione da 1 litro con due parti di acqua e una parte di alcool denaturato, e aggiungere 2 cucchiai di tabacco economico del tipo trinciato forte. Passati 3-4 giorni filtrare con un colino e distribuire sulle foglie delle piante con uno spruzzatore. È un rimedio particolarmente efficace contro gli afidi.

Soluzione di sapone. Miscelare 60g di scaglie di sapone di Marsiglia in poca acqua calda. Diluire ulteriormente la soluzione in 3 litri d’acqua e aggiungere 1 litro di alcool denaturato. Si nebulizza sulle foglie e sulle parti infestate ed è efficace contro i pidocchi delle rose e il “fumo” degli agrumi, ad esempio limoni e mandarini coltivati in terrazzo.

Pubblicato da Michele Ciceri il 2 dicembre 2012