Realizzare un giardino sul tetto di casa

realizzare un giardino sul tetto di casa

Realizzare un giardino sul tetto di casa: dalla verifica della capacità di carico del tetto e, in base ai dati rilevati, puoi seguire le nostre istruzioni per avere un giardino sul tetto.

Coltivare il prato sul tetto di casa può essere una grossa soddisfazione, ma richiede un impegno ben più gravoso di spostare qualche vaso e fioriera qui e lì sulla terrazza.

Se vuoi realizzare un giardino sul tetto di casa devi sapere che puoi sfruttare tre differenti incentivi fiscali. Il giardino sul tetto, meglio noto come tetto verde, può essere allestito sfruttando:

  • Bonus ristrutturazioni
    detrazioni fiscali del 50%
  • Bonus efficienza energetica o ecobonus
    detrazioni fiscali dal 65 al 75% a seconda dei casi
  • Bonus verde
    sconto Irpef del 36% della spesa sostenuta per un massimo di 5.000 euro

Prima di iniziare a coltivare un orto sul tetto o allestire un giardino con tanto di piante ornamentali e aiuole, devi scoprire se questo è possibile.

L’aspetto strutturale è molto importante e dovrebbe essere lasciato alle competenze di un tecnico qualificato. I maggiori vincoli per chi vuole coltivare un giardino sul tetto riguardano proprio il peso: il tetto non deve essere sovraccaricato!

Sappi che la copertura della tua casa è stata progettata come un mero involucro edilizio, probabilmente è “calpestabile” ma non “praticabile”, cioè vuol dire che la struttura sottostante non ha le caratteristiche per ospitare un giardino, un orto o un tetto verde, neanche di quelli più minimal.

In pratica, se vuoi realizzare un giardino sul tetto di casa dovrai provvedere a trasformare la copertura da calpestabile a praticabile e assicurarti una buona capacità di carico.

Il tetto di casa è spesso definito”lastrico” mentre tutt’altra cosa è una terrazza (tetto terrazzato). Se hai già una terrazza sul tetto devi verificarne semplicemente la capacità di carica, se hai un mero tetto (o lastrico) invece, devi anche provvedere al un cambiamento di destinazione d’uso richiedendo il consenso da parte del Comune di residenza.

Per capire se il tuo tetto può sopportare il peso di un giardino o di un semplice prato, dovrai interpellare un ingegnere abilitato che potrà comprovare la fattibilità del progetto tenendo conto della distribuzione dei carichi e della struttura pre-esistente.

Qualora il tuo tetto non dovesse essere idoneo, potrai sfruttare le detrazioni fiscali per finanziare parte del tuo investimento. Sappi che un tetto verde aumenta di gran lunga il valore immobiliare di un fabbricato, tra detrazioni, preventivi al ribasso e benefici in termini di isolamento energetico, probabilmente questa spesa ti darà più benefici che costi!

Realizzare un giardino sul tetto di casa

Probabilmente quando pensavi di coltivare un orto sul tetto di casa o un seminare un prato sul terrazzo, non credevi di dover affrontare un’impresa così difficile, tieni conto che la stabilità della tua abitazione è tutto per la tua sicurezza.

Per realizzare un giardino sul vecchio lastrico dovrai tenere conto anche dello stato in cui verde lo strato impermeabile del tuo tetto. Lo strato più a vista “di impermeabilizzazione” se è buono stato, può ospitare direttamente un secondo strato impermeabile dove si andranno a posare membrane drenanti, ghiaietti e terriccio per coltivare le piante. Tuttavia, se questo strato impermeabilizzante non è in buone condizione, dovrà essere sostituito con uno apposito.

Quali sono le piante che puoi coltivare sul tetto? Dipende dalla capacità di carico e dallo spessore di terreno che puoi posare. Per spessori esigui, il tuo giardino sul tetto può essere composto da:

  • Sedum album
  • Sedum spectabile
  • Sedum hybridum
  • Sedum reflexum
  • Sedum spurium
  • Sedum sexangulare

Si tratta di piante verdi che raggiungono un’altezza massima nel periodo estivo. La sedum album fiorisce in estate e ha un’altezza che non supera i 10 cm, mentre tra queste citate, la più alta è la sedum spectabile che cresce fino a 40 cm e fiorisce con fiori rosa e rosso.

Queste piante sono quelle consigliate per un tetto verde estensivo, cioè di spessore ridotto e con un peso complessivo compreso tra 80 – 150 kg/mq. Molti tetti terrazzati dispongono già di questa capacità di carico e, rifatto lo strato impermeabilizzante, non si dovrà fare altro che procedere con l’allestimento del tetto verde.

Per un giardino vero e proprio, invece, bisogna partire da una capacità di carico di 350 kg/mq, sappi che spesso questo valore si raddoppia quando i substrati sono di forte spessore e s’intende coltivare piccoli alberelli.

E’ chiaro che costruire un giardino sul tetto non è una cosa da tutti e prima di fare progetti è indispensabile capire la spesa iniziale per rendere la copertura idonea alla nuova destinazione d’uso.

Un altro nostro articolo correlato che potrebbe interessarti è Come vendere casa al meglio.

Pubblicato da Anna De Simone il 28 maggio 2018