Qual è la qualità dell’acqua in Italia?

Acqua risorsa da non sprecare

Qual è la qualità dell’acqua in Italia? Acqua pubblica intendiamo, quella che siamo abituati a dare per scontata (forse per questo ne sprechiamo un sacco) e che invece rappresenta una delle risorse più preziose ed esauribili che abbiamo. Ebbene, in Italia le risorse idriche sono complessivamente sufficienti a soddisfare le necessità derivanti dagli usi civili e produttivi; il problema (per adesso) non è la quantità ma la qualità dell’acqua, la gestione e l’uso corretto della risorsa.



Sì, in Italia le risorse idriche sono momentaneamente sufficienti ma perdite di rete, sistema fognario inadeguato o insufficiente, depuratori mal gestiti o inesistenti e una qualità ecologica scarsa (basti pensare che un terzo dei corpi idrici di superficie e l’11% di quelli sotterranei non raggiungono gli obiettivi fissati dall’Europa) fanno restare l’emergenza acqua uno dei temi costantemente all’ordine del giorno in Italia.

Ecco perché al capitolo acqua e qualità dell’acqua è dedicata la nona Assemblea Programmatica Nazionale, che si svolgerà lunedì 15 luglio a Roma, in preparazione degli Stati Generali della Green Economy, l’evento organizzato dal Consiglio Nazionale della Green Economy, in collaborazione con i Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in calendario il 6 e 7 novembre prossimi a Rimini nell’ambito di Ecomondo.

Al tema Acque, dal punto di vista della gestione delle risorse idriche oltre che della qualità dell’acqua, e gli Stati Generali della Green Economy hanno dedicato uno dei due nuovi gruppi di lavoro che si sono agiunti agli otto iniziali, l’altro è quello Regioni-Enti locali che terrà la sua Assemblea programmatica a settembre 2013.

Gianni Squitieri della Fondazione Sviluppo Sostenibile è il coordinatore del gruppo di lavoro sull’acqua, di cui fanno parte: Francesco Ciancaleoni (Area Ambiente Territorio – Coldiretti); Giulio Conte (Ambiente Italia); Luigi Del Giacco (Federutility); Alfredo Di Domenicantonio (Autorità di Bacino del Fiume Tevere); Barbara Di Rollo (responsabile politiche della bonifica e dell’irrigazione – CIA); Roberto Farina (responsabile laboratorio gestione della risorsa idrica – ENEA Bologna); Roberto Mazzini (Presidente – Milano DEPUR spa); Giuseppe Mininni (CNR acque – CTS Ecomondo); Ciro Pignatelli (Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile); Enrico Rolle (Università di Roma La Sapienza1); Gabriela Scanu (Ministero dell’Ambiente); Francesco Tresso (Socio JPE 2010 – Hydrodata Spa); Massimo Troncon (Ladurner Srl).

Link utili / statigenerali.org

Pubblicato da Michele Ciceri il 10 luglio 2013