Produrre elettricità dal calore

Un pentolino che durante la cottura produce elettricità e ricarica i vostri dispositivi portatili. Non è un prototipo ma un accessorio già disponibile sul mercato. Perfetto per chi ama il campeggio ma si adatta bene anche per il recupero di energia in ambiente domestico.

Mamma, è pronta la cena?
No, ancora 20 minuti
Meno male, devo ricaricare il cellulare!

Una conversazione piuttosto bizzarra ma considerando le doti delle pentole TES NewEnergy è più che plausibile. La TES NewEnergy è una società giapponese che ha sviluppato un materiale capace di convertire, in modo diretto, il calore in energia elettrica. TES, infatti, è l’acronimo di Thermo Electric System.

Per il mercato di massa, la TES NewEnergy propone un pentolino capace di ricaricare qualsiasi dispositivo elettrico: cellulari, GPS, iPod, lanterne, lettori multimediali, tablet e tutto ciò che utilizza un connettore USB. Con una potenza massima di 7W, un voltaggio di 5V DC e 700mA, il pentolino della TES NewEnergy presenta un caricatore con display a LED per mostrare lo status di ricarica.

I pentolini, compresi di caricabatteria, pesano circa 380 grammi, un grosso vantaggio per chi vuole sfruttarli in campeggio. Il dispositivo si chiama Hatsuden Nabe e può essere acquistato su ebay a un prezzo di circa 190 euro.

Sempre per il mercato di massa, la società nipponica propone un Fire Box Stove che può utilizzare una qualsiasi fonte di calore per fornire elettricità di recupero. Ciò significa che se si incendia del pellets, del legno o un qualsiasi altro carburante, si potrà produrre energia.

Con il medesimo sistema, la TES NewEnergy propone soluzioni per aziende che intendono sfruttare la combustione dei rifiuti per produrre energia. Immaginiamo dei termovalorizzatori dotati di tale tecnologia. Se un piccolo fornellino può ricaricare le nostre mobile device, cosa potrà fare un grosso forno?

Alcuni accessori sono destinati a quelle persone che vivono la vita in modo estremo. Anche la “charger cup” è destinata a coloro che amano l’avventura, lo sport, il campeggio e soprattutto, amano vivere a diretto contatto con la natura senza dimenticare ciò che può offrirci il mercato tecnologico. Altri esempi:

 

Pubblicato da Anna De Simone il 10 luglio 2012