Posidonia Green Festival: arte, ambiente e sostenibilità

Posidonia Green Festival

Posidonia Green Festival, per chi vuole concludere l’estate dedicando l’attenzione all’ambiente e al mare, in particolare, dove molti trascorrono le vacanze per poi scordarsi di preservarne la salute nei restanti mesi di lavoro altrove. Non è solo il mare, il protagonista del Posidonia Green Festival, dall’1 al 3 settembre a Santa Margherita Ligure, ma lo sono tutti colore che hanno a cuore la natura e vogliono approfondire opportunità di turismo sostenibile e di consumo responsabile girando per una esposizione animata da concerti, proiezioni, conferenze, laboratori e molte attività outdoor.



Il Posidonia Green Festival, alla terza edizione, è nato in difesa della Posidonia oceanica. Se il nome non suona noto, ecco svelato il segreto: è una pianta che ospita gran parte della biodiversità marina nel Mar Mediterraneo, preziosa perché protegge le coste e le spiagge dall’erosione

Posidonia Green Festival, di nome e di fatto

Prima di svelare il programma del Festival va precisato che il “green” inserito nel nome non è un tentativo di marketing, visto che oggi “va molto il green”: corrisponde al vero. Dalla sua nascita questa iniziativa non solo affronta tematiche ambientali importanti ma porge attenzione alla natura anche nelle piccole grandi cose.

E’ organizzato mirando al minimo consumo di carta e all’utilizzo di plastiche biodegradabili, le decorazioni sono state realizzate in materiale riciclato e in tutte le giornate viene promosso il trasporto pubblico elettrico, si mangiano prodotti locali a km zero e si fa la raccolta differenziata.

Posidonia Green Festival: iniziative

La terza edizione del Posidonia Green Festival, come le precedenti, è a base di cinema, musica, arti circensi, laboratori per bambini, escursioni, conferenze, occasioni per poi fermarsi al Festival anche per gustare aperitivi e cene con prodotti biologici.

Ogni giorno c’è anche l’opportunità, sia a pranzo che a cena, grazie a Streat Fish, di mangiare un buon piatto di pesce sostenibile, fresco e da pesca tradizionale locale, accompagnato da un buon bicchiere di vino bianco di produzione ecologica, sul posto e godendosi il panorama marino ligure.

Nell’Ecofiera si trovano poi illustrati progetti legati alla sostenibilità e all’ecologia con particolare attenzione all’ecosistema marino, tra gli ospiti anche ONG, artigiani, imprese, enti istituzionali e ideatori di progetti innovativi.

 

Posidonia green festival

Posidonia Green Festival: programma

Organizzato in collaborazione con Comune di Santa Margherita Ligure, Area Marina Protetta di Portofino, Parco di Portofino, Parco Nazionale delle Cinque Terre e molti altri soggetti “amici”, il Posidonia Green Festival ha un programma di tre giorni fitti e interessanti.

Dopo l’apertura, venerdì 1 settembre alle 17, con lo spettacolo di circo itinerante “The Pilgrims Cabinet”, dall’Australia, si tiene laboratorio di costruzione di strumenti musicali per bambini e alle 18, per chi si è iscritto, parte già la prima escursione, in mare, con aperitivo, a Bordo della Video Barca verso il Cristo degli Abissi. In collegamento con subacqueo in immersione si potranno ammirare i panorami sotto il livello del mare spiegati da un divulgatore scientifico in tempo reale.

Alle 19 all’asciutto di inaugura la mostra fotografica “Essere come l’acqua – riconnettersi al Pianeta”, visibile fino al termine del festival. Sempre venerdì alle 20 è in programma il concerto “L’allegra trattoria” seguito dalla conferenza “Partecipazione e territorio” con la presenza di Surfrider Foundation, Parco di Portofino e Parco delle Cinque Terre. La buonanotte la danno la danza con il fuoco e la proiezione di “Mare Nostro” di Andrea Gadaleta Caldarola, dedicato al Porto di Molfetta.

Sabato mattina il Posidonia Green Festival riparte con lo snorkeling in spiaggia a Punta Pedale sotto la guida di biologi marini con la possibilità di provare anche le maschere granfacciali Easybreath della Tribord. Chi perde l’appuntamento mattiniero può riprovare alle 15 ma alle 16 si parte per una escursione nel Parco di Portofino, da Santa Margherita Ligure al Mulino del Gassetta dove si gusta la prima birra artigianale “La Portofinese”. I più pigri possono restare al Festival per la performance acrobatica “Slackline water-line” seguita dal laboratorio per bambini “I suoni del parco”.

Posidonia green festival

Alle 18 nella Baia di Niasca grandi e piccoli sono chiamati a partecipare alla Posidonia Sup Race, gara di SUP nella Baia di Paraggi, in serata iniziano poi spettacoli di danza e di capoeira e il concerto di Rocco Papia, voce e chitarra solista per chiudere con la conferenza “Il Riscaldamento Globale e gli effetti sul Mare Nostrum” , uno spettacolo di Circo su strada e il film/documentario di Leonardo di Caprio “Punto di non ritorno”.

L’ultimo giorno di Posidonia Green Festival è soprattutto dedicato ai bambini con il laboratorio “Il giardino di Poseidone” dedicato alla posidonia oceanica e con la performance di Slackline water-line fino alla conclusione tra musica e creazioni artistiche fatte con materiale riciclato.

Ulteriori informazioni sul sito ufficiale della manifestazione

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 31 agosto 2017