Pedras Salgadas, l’eco-resort portoghese

Di solito sono gli uomini a decidere la collocazione delle nuove costruzioni, soprattutto se si tratta di strutture alberghiere, resort e spa. A decidere la posizione dell’eco-resort Pedras Salgadas non sono stati ingegneri e architetti ma… gli alberi! L’eco-resort Pedras Salgades consiste in una serie di cabine dislocate nella densa foresta incontaminata al nord del Portogallo.

I bungalow sorgono tra un albero e l’altro e si integrano perfettamente nella foresta: ogni camera da letto è stata allestita su una piattaforma rialzata in modo che solo una piccolissima porzione del terreno è coinvolta nella costruzione.

GUARDA LE FOTO DELLE ECO-RESORT SPA PEDRAS SALGADAS

L’eco-resort Pedras Salgadas è stato progettato dagli architetti portoghesi Luis Rebelo de Andrade e Diogo Aguiar su commessione dell’Ivo Tavares Studio. I bungalow sono tutti prefabbricati modulari e sono composte da un ingresso, un soggiorno, una cucina, un bagno e la camera da letto. Ogni cabina è completamente circondata dal verde e lasciano agli ospiti tutta la privacy necessaria.

L’alloggio turistico sorge in uno dei parchi naturali più belli del Portogallo. Gli architetti hanno preferito disseminare i prefabbricati modulari tra gli alberi, piuttosto che sacrificare parte della foresta per allestire un’unica grossa struttura. Ogni bungalow comprende un porticato o un balcone per consentire agli ospiti il massimo contatto con la natura.

Il rivestimento dei prefabbricati è composta da lastre di ardesia che sfoggiano 50 sfumature di grigio, tale scelta è stata fortemente condizionata dalle tradizioni costruttive locali. Le 50 sfumature di grigio esaltano luci e riflessi in base al sole, alla pioggia e al buio. Gli interni sono estremamente curati, eleganti, moderni ed essenziali.

GUARDA LE FOTO DELLE ECO-RESORT SPA PEDRAS SALGADAS

Non manca un centro relax con bagno turco, piscina, sauna, percorso termale, pietre di sale e tutto il benessere che può regalare una Spa di alto livello.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 febbraio 2013