Pasta di tamarindo, tutte le info

pasta di tamarindo

Pasta di tamarindo, dove si compra e come si usa. Ricette e proprietà. Come fare la pasta di tamarindo e consigli all’uso.

Tamarindo, proprietà

Il tamarindo è un albero tropicale (Tamarindus indica) appartenente alla stessa famiglia delle leguminose. Abbiamo accennato a questa pianta nell’articolo intitolato cosa sono i legumi. Questa pianta tropicale è originaria dell’Africa Orientale e dell’India e attualmente diffusa in tutta l’America Latina. L’albero produce dei baccelli marroni (quelli visibili nella foto in alto), popolari per le proprietà digestive. Nonostante le sue lontane origini, le proprietà del tamarindo erano note, in Italia, fin dalla notte dei tempi. Questa pianta e le sue proprietà erano già citate da Pietro Andrea Mattioli, nella Scuola Medica Salernitana, la prima e più importante istituzione medica d’Europa nel Medioevo (XI secolo). In India, per i suoi effetti, è molto usata nella medicina Ayurveda. Il tamarindo annovera proprietà antinfiammatorie, è usato per contrastare la febbre, per risolvere problemi digestivi e problemi gastrici. E’ anche impiegato per i suoi blandi effetti lassativi.

Salsa o pasta di tamarindo

La polpa del frutto è usata per la preparazione di una particolare salsa, popolarissimo condimento in Asia e in America Latina.

In Messico la pasta di tamarindo è usata per la preparazione di ricette rustiche ma anche per dolci: mescolata allo zucchero dà vita a una salsa agrodolce.

Pasta di tamarindo, dove si compra

La vendita della pasta di tamarindo non è molto comune: questo prodotto si può trovare solo nei reparti di cucina etnica dei negozi più forniti. In alternativa è possibile trovare la pasta di tamarindo su Amazon, sfruttando la compravendita online.

A questa pagina Amazon è possibile scegliere tra diverse proposte. La pasta di tamarindo si acquista in barattoli da 100 – 150 gr, a seconda del produttore.

Pasta di tamarindo, come usarla

Come si usa la salsa di tamarindo? Nell’India del Sud, la pasta di tamarindo è usata per preparare una zuppa di verdure che, all’occorrenza, si arricchisce con frutti di mare, crostacei e pesce carnosi come la rana pescatrice.

Questa zuppa è un piatto tipico noto come Sambar, anche scritto Sambhar o sambaar. L’ingrediente base è proprio la salsa di tamarindo. La zuppa, arricchita con i più disparati ingredienti, può essere usata anche come condimento per riso in bianco, così come mostrato nella foto in basso.

Potete usare la pasta di tamarindo per una buona zuppa di legumi. In questa ricetta vi proponiamo una zuppa di ceci, ma potete usare anche dei fagioli, in una variante della classica zuppa di fagioli. Ecco la ricetta per usare la pasta di tamarindo:

  • 2 tazze di ceci già idratati (tenuti in ammollo per una notte)
  • 2 cipolle dolci affettate finemente
  • 1/4 tazza di pasta di tamarindo
  • 1 cucchiaino di cumino in polvere
  • peperoncino secco tritato
  • 4 cucchiai di olio evo

Bollite i ceci con una cipolla e le spezie. Arricchite la salsa di tamarindo con qualche cucchiaio di acqua della cottura di ceci. Fai scolare i ceci. Frullate la cipolla e le spezie, mettetele da parte. Scolate i ceci.

Fate un trito con la cipolla e fatela soffriggere in olio evo caldo. Aggiungete i ceci e aggiungete ancora del liquido della cottura dei ceci, la quantità dipende dalle vostre preferenze (quanto la volte brodosa?!). Aggiungete poi la salsa di tamarindo. Portate a ebollizione, aggiungete la cipolla frullata con le spezie.

Aggiungete il peperoncino e servite caldo, magari con dei tocchetti di pane abbrustoliti.

pasta di tamarindo ricetta

 

Come fare la pasta di tamarindo, ricetta

Chi ha dei frutti di tamarindo li può usare per prepararne la pasta, anche nota come salsa di tamarindo. Cosa vi occorre per questa ricetta?

Se siete tra i fortunati che dispongono di frutti di tamarindo, potete usarli per prepararne un’ottima salsa. Per la ricetta della pasta di tamarindo potete seguire le istruzioni del video che segue.

La polpa del frutto ha un sapore leggermente acidulo mentre i frutti maturi hanno un sapore più dolce. Per la ricetta della salsa di tamarindo è importante usare frutti maturi così da ottenere una pasta da usare in qualsiasi ricetta, anche per aromatizzare bevande e aperitivi.

Pubblicato da Anna De Simone il 1 marzo 2018