Monti incontra la commissione Expo

Finalmente, per la prima volta, il presidente del Consiglio Mario Monti, si incontrerà con i responsabili dell’Expo di Milano 2015. La riunione della Coem ospiterà il governo e gli enti locali dell’Esposizione Internazionale 2015.

L’incontro doveva avvenire questo febbraio ma è slittato a causa del mal tempo, così il 9 marzo, a Palazzo Chigi, il presidente del consiglio Mario Monti incontrerà per la prima volta la commissione di coordinamento dell’Expo. Sarà proprio il premier a presiedere la seduta.

Il Premier Mario Monti, dopo aver detto “no” alla candidatura dell’Italia per ospitare i Giochi Olimpici del 2020, punta tutta sull’evento milanese. I temi che saranno trattati durante l’incontro non sono stati resi noti, ma si può intuire che grande attenzione sarà rivolta al piano antimafia. In Italia manca una banca dati contenente l’intera documentazione antimafia, pertanto sarà arduo il lavoro affidato alla Prefettura di Milano che dovrà tutelare gli interessi delle casse dello Stato affinché non vi siano infiltrazioni da parte della ‘Ndrangheta del nord.

L’Expo 2015 rappresenta un piatto ghiotto per la ‘Ndrangheta, in base alle più recenti indagini, si stima che i finanziamenti pubblici per il Milano Expo 2015 arrivino a toccare i 25 miliardi, tra opere dirette come la creazione degli spazi espositivi e la gestione, e costi indiretti come per esempio la costruzione della Linea M4 della metropolitana milanese.

Si spera vivamente che l’incontro di marzo con il Premier Monti, possa mettere a tacere anche i dubbi riguardo la minaccia di un’eccessiva cementificazione attuata per la realizzazione dell’infrastrutture necessarie all’Expo 2015. Mille ettari di terreno, pari a 1400 campi di calcio, è la superficie verde che è stata sacrificata negli ultimi otto anni. Territorio cementificato che tra tre anni ospiterà l’Expo.

Pubblicato da Anna De Simone il 22 febbraio 2012