Malattie trasmesse dalle zanzare in Italia

Malattie trasmesse dalle zanzare in Italia

Le zanzare sono tornate di moda o forse non hanno mai smesso di esserlo ma alcuni anni le notiamo di meno, in parte presi anche da altre preoccupazioni. Eppure questi insetti non sono solo fastidiosi e non causano solo dei “bozzi” antiestetici ma causano anche dei problemi di salute, non solo nei paesi tropicali, spesso mete delle nostre vacanze. Le malattie trasmesse dalle zanzare in Italia non sono poche e vale la pena di conoscerle perché i numeri che ne descrivono l’impatto non raccontano un fenomeno marginale bensì preoccupante. Non si tratta di un allarme rosso ma di un invito a non prendere sotto gamba questi insetti visto che ci sono più di 700.000 persone in tutto il mondo muoiono ogni anno a causa di malattie trasmesse dalle zanzare. Il pensiero corre subito alla malaria, la patologia più nota e raccontata, ma ci sono diverse altre malattie trasmesse dalle zanzare in Italia da cui guardarsi. Esse rappresentano il 17% di tutte le malattie infettive, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).



Malattie da zanzara anofele

La zanzara appartenente al genere Anofele è quella responsabile della malaria. Lo ha scoperto uno scienziato italiano, Giovanni Battista Grassi, dopo che nel 1897 Sir Ronald Ross, ufficiale medico dell’esercito britannico in India, aveva intuito una connessione tra questi insetti e la malattia.

La maggior parte delle infezioni e delle morti per malaria da zanzara anofele avviene in Africa e in India ma non dobbiamo sentirci al sicuro perché si registrano casi in tutto il mondo. Nel 2018 il World Malaria Report ne ha riportati 200 milioni con circa 435mila decessi, spesso bambini sotto i cinque anni. In Italia ad oggi non ci sono casi ma le zanzare del genere Anofele svolazzano nel nostro cielo per cui è essenziale non abbassare la guardia e monitorare la situazione.

Proseguendo lo studio delle malattie trasmesse dalle zanzare si è arrivati ad individuarne altre da controllare. La specie aedes aegypti, nota come zanzara della febbre gialla, può causare la febbre gialla, la dengue, la chikungunya, la zika, il virus del Nilo occidentale e altre patologie. La zanzara Culex trasmette la filariosi e un tipo di encefalite virale. Le ricerche continuano per individuare la presenza di vari patogeni, come gli arbovirus e delle arbovirosi, fra cui chikungunya, dengue, zika e febbre del virus del Nilo occidentale.

Malattie da zanzara tigre

La zanzara tigre è quella che fa paura ai più, è vettore di malattie come la Chikungunya e la Dengue ma non della malaria. Vediamo di che patologie si tratta. La prima è una malattia tropicale, il suo virus è presente in Africa, nel Sud-est asiatico, nel Sub-continente indiano e, in generale, nell’area dell’Oceano Indiano. La seconda è una malattia virale acuta che può presentarsi in due forme distinte: la dengue classica e la dengue emorragica. Il suo virus è presente anche in America Centrale e in Sud America. Va da sé che se intendiamo intraprendere un viaggio in queste zone dobbiamo adottare le precauzioni necessarie per difenderci dalle punture delle zanzare.

Malattie trasmesse dalle zanzare in Italia

Malattie trasmesse dalle zanzare ai cani e ai gatti

Finora ci siamo preoccupati, comprensibilmente, di noi, del genere umano, ma chi possiede un cane o un gatto sa bene che anche i nostri piccoli amici rischiano di contrarre delle malattie dagli insetti. Una di esse, una delle più comuni, è la Filariasi, diffusa soprattutto nei paesi del Mediterraneo, ma anche al Lago di Garda ed in Pianura Padana. Dopo vari mesi dall’infezione, quando le larve della filaria raggiungono lo stadio adulto, si registrano disturbi respiratori, tosse, ostruzione vascolare e debolezza. La Filariasi può causare anche la morte dell’animale se non lo si cura in tempo, è quindi molto importante proteggerli dalle punture di zanzara e seguire una terapia profilattica con speciali farmaci vermifughi (prima e dopo l’esposizione).

Altra malattia piuttosto nota, trasmessa però dai pappataci, che sono molto simili alle zanzare, è la Leishmaniosi. Diffusa anche in Italia questa malattia può causare alterazioni cutanee, apatia, diarrea, vomito, rigonfiamento dei linfonodi. E’ necessario quindi proteggere cani e gatti dalle punture di questo insetto e vaccinarli. Oggi esiste anche un test che in 8 minuti ci rivela se il nostro animale ha contratto Filariasi e Leishmaniosi.

Sintomi delle malattie trasmesse dalle zanzare

Concentriamoci sui sintomi della Chikungunya e della Dengue visto che quelli della Malaria sono piuttosto noti.
La Chikungunya causa febbre alta, cefalea, stanchezza e, soprattutto, importanti dolori articolari. Possono sembrare sintomi da influenza ma in alcuni casi emergono anche delle manifestazioni cutanee a volte pruriginose. La trasmissione del virus non può avvenire per contatto diretto tra persona e persona ma solo tramite puntura di zanzara. La febbre dura massimo una settimana mentre i dolori possono proseguire per mesi.

Per la dengue abbiamo spiegato che esistono due tipologie. Quella classica, che è la forma benigna, mostra sintomi diversi al variare dell’età. I bambini piccoli hanno la febbre e delle eruzioni cutanee. Gli adolescenti e gli adulti hanno sintomi simili a quelli dell’influenza con febbre, mal di testa, dolori osteo-articolari e muscolari, disturbi gastrointestinali, con o senza eruzioni cutanee.

La forma di dengue emorragica si manifesta con un andamento a due fasi. Prima compare la febbre con inappetenza, lievi disturbi gastrointestinale e respiratori, poi arriva la fase di maggiore debolezza, con pallore e colorito cianotico, abbassamento della pressione sanguigna, polso rapido e debole, eruzioni cutanee.

Pubblicato da Marta Abbà il 26 Agosto 2019