Innovazione e sostenibilità nella logistica

paolo-bisogni-presidente-ailog Ailog

Logistica e innovazione, con un occhio di riguardo per la sostenibilità ambientale, è stato il tema del Convegno ‘La Logistica cambia passo’ il 15 aprile a Salsomaggiore. Perché parlare di innovazione? Perché questo tema è fondamentale sempre, ma in particolare nei momenti di rallentamento economico in cui le imprese ricercano prospettive di rilancio. Altrettanto urgente è la sostenibilità che, nel corso di una lenta rivoluzione che sta cambiando motori e carburanti, cambierà i trasporti.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management AILOG, in collaborazione con Logisticamente e con l’Unione Parmense degli Industriali. Storie di successo raccontate dai protagonisti, problemi emergenti, rischi ma anche opportunità sono stati al centro della discussione.

Innovazione di processo, non solo tecnologie per la logistica. Paolo Bisogni, presidente di AILOG, ha sottolineato le differenze tra il settore manifatturiero e quello della logistica. Se nel primo infatti l’innovazione riguarda soprattutto le tecnologie, nella logistica è nei processi che risiede il maggior potenziale di miglioramento.

Due esempi per capire meglio. Le più importanti innovazioni del passato nel mondo della logistica sono stati i pallet, nel 1944, il codice a barre a seguire il just in time e il supply chain management. Come a dire: non servono invenzioni straordinarie, ma piuttosto qualcosa, anche di apparentemente ordinario, che possa essere messo a disposizione di tutti. Se così non fosse, l’innovazione risulterebbe inutile.

I casi di successo nella logistica. Eurostandard, con la collaborazione di AB Coplan, ha illustrato l’Inventory Management System, un sistema di pianificazione continua che garantisce la disponibilità di componenti e prodotti finiti rispettando le esigenze della produzione. Alfacod ha presentato Eagle, un Forklift Guidance System per governare il magazzino con precisione al millimetro nella gestione dei carrelli e nell’individuazione dei prodotti, con l’aiuto delle tecnologie GPS, Marker e WiFi.

E ancora. BTG Tecnologie e Smart Res hanno illustrato l’utilizzo della tecnologia RFId per tutte le esigenze di magazzino: tracciabilità, inventario, logistica e tracciabilità del prodotto lungo la filiera della produzione. Si è parlato del sistema Global Value Mapping, un’evoluzione dell’approccio ‘lean’, che ha l’obiettivo di migliorare il valore aggiunto dei singoli processi.

Pro-Vision e Lumson hanno parlato del rinnovamento del sistema di Warehouse Management System, identificato sempre più come uno strumento che agevola il cambiamento e incrementa il vantaggio competitivo. Door2Green ha preso infine in esame il tema della sostenibilità nella logistica, di pari passo con innovazione ed efficienza

Pubblicato da Michele Ciceri il 30 aprile 2014