Internet in fibra ottica: come verificare copertura e tariffe

Internet-fibra-ottica

Anche se parlare di digital divide in una società iperconnessa sembra anacronistico, in Italia la realtà è questa: la copertura Internet fibra ottica nella Penisola non è capillare, e malgrado i notevoli sforzi e investimenti da parte dei principali operatori del mercato, in molte zone ancora non è possibile collegarsi a Internet per mezzo della banda larga.

Sono attesi gli interventi del Governo, ad esempio con il nuovo piano annunciato e che vedrà le strutture di Enel contribuire a una copertura migliore, ma soprattutto per quelle che vengono definite aree a fallimento di mercato c’è ancora molta strada da fare.

Per questo motivo, prima di stipulare un nuovo contratto per la fornitura Internet, è necessario assicurarsi di trovarsi in una zona coperta e, successivamente, valutare quali sono gli operatori più convenienti in base alle proprie specifiche esigenze: sul nostro comparatore di tariffe potete trovare le promozioni più vantaggiose, sia in termini di prezzo che di prestazioni, senza dimenticare i servizi aggiuntivi che ormai sono sempre più comuni (ad esempio la tv streaming).

Bisogna innanzitutto sapere che la copertura Internet fibra ottica può essere di due tipi, FTTS o FTTC (Fiber to the street/cabinet, relativa a quei collegamenti dove la fibra ottica dalla centrale arriva fino al cabinet, o armadio stradale, e conserva quindi il doppino di rame per l’ultimo tratto) e FTTH (Fiber to the home, nel quale la fibra va dalla centrale fino alla casa dell’utente). Entrambi gli approcci garantiscono ottime prestazioni: la FTTC è più rapida come installazione e quindi meno costosa, la FTTH garantisce velocit teoriche superiori.

Nei centri maggiori, le reti in fibra ottica di operatori come Fastweb, Telecom, Vodafone permettono di raggiungere velocità che possono anche sfiorare i 500 Mbit/s in download, ideali per la musica e i film in streaming e tecnologie avanzate come la videopresenza e il cloud. Inoltre, le videochiamate con Skype e i servizi VoiP sono ad altissima qualità e il gioco online è garantito con fluidità e bassa latenza.

Per molti operatori, il 2016 è stato finora e continuerà a essere anche nei prossimi mesi l’anno dell’investimento in infrastrutture di rete, compresa Internet in fibra ottica. Vedremo sempre più centri urbani interessati da opere di cablaggio, per offrire a tutti i cittadini, oltre ai vantaggi di una connessione veloce, anche la comodità di un rapporto con pubblica amministrazione più rapido ed efficiente. Basta perdere tempo in interminabili code e via finalmente al modello delle smart city.

Altri articoli correlati che ti possono interessare:

– Quale ADSL scegliere 

– Fibra ottica o ADSL: cosa conviene

Pubblicato da Matteo Di Felice il 23 giugno 2014