Dalla Svizzera il generatore elettrico ad aria compressa

generatore elettrico ad aria compressa

Un generatore elettrico ad aria compressa: è la proposta che arriva da Swiss Green Systems, una azienda che ha deciso di credere nell’utilizzo delle fonti rinnovabili, sfruttandole in modo innovativo però.
Ecco quindi soluzioni ad alto contenuto tecnologico pensate sia per le aziende sia per altre realtà e ulteriormente sviluppabili come alternativa non inquinanti. Il direttore tecnico dell’azienda Giancarlo Gallino racconta la sua avventura con il generatore elettrico ad aria compressa e il promettente futuro di chi sta osando.

1) Quando siete nati e con quale mission?
SGS nasce nel 2012 come idea imprenditoriale di un gruppo di professionisti svizzeri accomunati da un forte interesse verso le tematiche ambientali e la creazione di energia pulita. La mission di SGS è la realizzazione su scala pre-industriale e la commercializzazione di un sistema che comprende un compressore e un generatore elettrico ad aria compressa, appunto. Il compressore trasforma in aria compressa l’energia proveniente da una fonte rinnovabile, l’aria compressa viene stoccata in bombole o in tank, collegati ad un generatore elettrico ad aria compressa ad alto rendimento.

2) In quale ambito proponete il vostro generatore elettrico ad aria compressa siete attivi? Quali altre soluzioni proponete?
Stiamo allacciando contatti con strutture private, statali e universitarie che agiscono nel settore dell’energia. La conservazione dell’energia si profila come uno dei segmenti di mercato con il più alto potenziale. Il passaggio alla produzione di energia rinnovabile in atto in tutto il mondo porta con sé un problema che ne limita fortemente l’impiego: l’energia non può essere prodotta a comando e va utilizzata quando c’è. La nostra tecnologia, con il generatore elettrico ad aria compressa, mira a risolvere questo problema.



3) Quali sono gli aspetti di sostenibilità della vostra proposta?
Il nostro generatore elettrico ad aria compressa garantisce un ciclo pulito al 100%. Anche il compressore, infatti, funziona direttamente e non necessita di alcuna trasformazione energetica di adattamento con l’elettricità prodotta dall’energia solare o da altri sistemi che producono energia elettrica, garantendo così un ciclo completamente pulito. Inoltre l’impianto, completamente ecologico, non presenta costi di smaltimento.

4) Da dove deriva il vostro know how che vi ha portato al generatore elettrico ad aria compressa e a Swiss Green Systems?
Il know how parte da un progetto innovativo ora protetto da brevetti. L’efficienza del sistema ha rese superiori agli standard attuali (30%). Il rendimento SGS all’80% è infatti stato documentato e certificato da un ente di certificazione ufficiale esterno.

5) A chi si rivolgono le vostre soluzioni energetiche?
La tecnologia del nostro sistema con generatore elettrico ad aria compressa può essere utilizzata per molte applicazioni e va a soddisfare le più diverse esigenze. Essa si adatta sia alle piccole che alle grandi energie: dalla casa Minergie alla centrale idroelettrica, passando per le abitazioni monofamiliari o interi quartieri residenziali. Inoltre si rivelerebbe una valida alternativa ai gruppi di continuità.

6) Che risposte state ricevendo?
Al momento stiamo iniziando a fare promozione; pur essendo in fase iniziale, stiamo ricevendo molti consensi sia da privati, per case Minergie, che da aziende che vorrebbero utilizzare il nostro generatore elettrico ad aria compressa in sostituzione delle loro tecnologie che presentano ancora parti inquinanti. Stiamo ricevendo richieste di informazioni dalla Svizzera e da tutta l’Italia, senza particolare differenziazione territoriale.

7) Quali progetti avete per lo sviluppo della vostra azienda? 
Dopo la realizzazione e certificazione di un sistema con potenza ridotto, il prossimo obiettivo consiste nello sviluppo di un modello pre-industriale definitivo da 1 kW, con funzione di impianto tampone, modulabile fino a 3 kW, potenza in grado di soddisfare il fabbisogno di un’utenza domestica. L’ulteriore sviluppo è l’alimentazione energetica di un intero villaggio, per il quale è stimata la produzione di generatori con potenza superiore a una decina di kW.

Pubblicato da Marta Abbà il 17 gennaio 2014